Ad imageAd image

Napoli: stagione fallimentare, i giocatori devono prendersi le proprie responsabilità

Rocco Infante
Rocco Infante
1 Min di lettura
© Il Mio Napoli - Foto Marco Bergamasco

De Laurentiis ha sicuramente una grande percentuale del fallimento del Napoli, ma non è l’unico colpevole

Anche contro l’Empoli, il Napoli mostra la sua peggior versione. Al Castellani gli azzurri riescono a mettere in piedi l’ennesimo film horror prendendo gol persino dal peggior attacco del campionato (e quartultimo di tutti i campionati europei) senza mai trovare una reazione o una giocata realmente pulita. Alla squadra di Nicola bastano ordine, intensità ed in totale due transizioni, in una segna Cerri ed in un’altra Cambiaghi sfiora il raddoppio, per fare tre punti contro un Napoli ormai svuotato, svogliato, scarico e pesante nella testa. Il finale è dei peggiori con i giocatori richiamati dai gruppi organizzati sotto il settore ospiti ed il solo capitano Di Lorenzo (tra i peggiori nuovamente), a simboleggiare una squadra divorata dallo scoramento, per ascoltare le lamentele della tifoseria. Una contestazione che senza dubbio proseguirà da qui in avanti fino alla fine del campionato. Sicuramente il presidente Aurelio De Laurentiis ha delle responsabilità importanti per quanto riguarda questa stagione fallimentare, ma molti giocatori non hanno mai aiutato alla causa questa stagione, mostrandosi svogliati e nettamente in calo rispetto alla passata stagione.

TAG: ,
Condividi questo articolo