Ad imageAd image

D’Avino: “Non mi aspettavo questa resa del Napoli. Sembra che i calciatori aspettino la fine del campionato”

Simone Meola
Simone Meola
2 Min di lettura
© Il Mio Napoli - Foto Marco Bergamasco

L’ex fisioterapista del Napoli esprime le proprie sensazioni sulla stagione complicata della squadra azzurra

Giovanni D’Avino, ex fisioterapista del Napoli, è intervenuto nel corso di Radio Crc parlando del momento della squadra azzurra, puntando il dito in particolar modo verso i calciatori, che sembrerebbero non dare il massimo in campo. Queste le sue dichiarazioni: “I giocatori del Napoli è come se aspettassero la fine del campionato per respirare, per liberarsi. Non mi aspettavo questa resa, è la continuità che è venuta a mancare. Dopo aver vinto lo scudetto, non agguantare nemmeno un posto in Europa sarebbe davvero un fallimento. Già da inizio ritiro il cambio della preparazione e gli infortuni hanno condizionato la stagione”.

Le parole di D’Avino su Walter Mazzarri e su come le colpe, a prescindere dagli allenatori, si debbano dividere anche tra i calciatori:

“Con Mazzarri la squadra si stava raddrizzando, ma poi è arrivato Calzona e quindi si è cambiato nuovamente. Al di là della presenza di De Laurentiis, poi i calciatori quando vanno in campo devono metterci l’anima. Finché la matematica non condanna il Napoli, bisogna lottare. Le partite non sono semplicissime, ma bisogna giocare al massimo anche per i tifosi. Già c’è stata qualche contestazione, sicuramente alcuni anche contro la Roma avranno qualcosa da dire, ma a fine partita si tireranno le somme”.

Condividi questo articolo