Ad imageAd image

Lindstrom si racconta sui canali del Napoli: “Arrivare in azzurro è stato un grande cambiamento”

Gianmarco Ruocco
Gianmarco Ruocco
8 Min di lettura

Jesper Lindstrom, giocatore del Napoli, si è raccontato sul canale YouTube della società azzurra. Protagonista della rubrica “From the world to Napoli”, l’esterno ex Eintracht ha così parlato riguardo se stesso: “Mi chiamo Jesper Lindstrom. Sono un calciatore offensivo e ho 24 anni. Sono sempre felice, rido sempre e mi piace giocare a calcio. La mia carriera è iniziata in Danimarca, come sapete. Giocavo nel B70, poi sono passato al Taastrup FC. Ho iniziato a giocare a calcio a 3 anni. In seguito sono passato al BSI, a Brondby, perchè mio padre e mia madre avevano divorziato, per cui ci siamo trasferiti a Brondby e ho giocato per un piccolo club, il BSI, fino all’età di 7 anni. Dopo sono andato al Vallensbaek, dove ho giocato per 7 anni. A 11-12 anni sono passato al Brondby IF, dove ho giocato per molti anni, due dei quali nel calcio professionistico. Poi ho giocato due anni nell’Eintracht Francoforte e ora sono al Napoli”.

Sul suo rapporto con il calcio: “Da bambino ero pieno di energia, come adesso. E’ come se fossi ancora bambino, credo che molte persone lo pensino. Sono sempre sorridente e penso sempre a divertirmi con i miei amici e la mia famiglia. Sono sempre felice e rido sempre e cerco di dare il massimo ogni giorno. Quando ero piccolo ammiravo molto Steven Gerrard del Liverpool, perchè ero tifoso del Liverpool. Ora lui ha smesso di giocare e non ho più un vero e proprio idolo. Penso a me stesso, alla mia squadra e a come cercare di vincere. Voglio solo giocare a calcio e, al momento, non ho un idolo”.

Su i propri ricordi: “E’ difficile dire quali siamo le emozioni e i ricordi più belli, perchè ce ne sono molti. Mi piace giocare a calcio e sentirmi parte di un gruppo, stare con i miei amici e compagni. Ogni giorno mi sveglio e so che sarò felice, perchè so che giocherò a calcio. Ho molti ricordi: la vittoria in Europa League e nel campionato danese, ma è stato bello anche trasferirsi a Napoli. Mi trovo bene qui. Come calciatore, penso che il mio sogno più importante sia quello di non avere nessun rimpianto a fine carriera. Voglio avere la sensazione di aver dato tutto, di avere sfruttato le opportunità e di aver dimostrato di poter giocare a calcio. Ovviamente vorrei vincere la Champions League e il Mondiale con la Nazionale. Vorrei diventare uno dei migliori calciatori al mondo. So che è un grande sogno, ma penso che nel calcio tutto può succedere, per cui ogno giorno cerco di dare il massimo, per crescere e dimostrare che posso giocare ad alti livelli. Il mio sogno più grande, come persona, è creare una famiglia, avere dei figli e restare in salute. Vorrei vivere una vita normale, quando lascerò il calcio. Vorrei godermi la mia casa, fare passeggiate con il mio cane, andare a mangiare fuori con la mia ragazza e i miei figli. Per me è importante avere anche una vita normale. E’ uno dei miei sogni”.

Sull’approdo a Napoli: “Arrivare qui è stato un cambiamento. E’ un contesto molto diverso per me, è diverso dalla Danimarca e dalla Germania. La lingua è molto difficile, ma sto migliorando sempre di più. Il clima è fantastico, ed è molto diverso dalla Danimarca, dove piove sempre. Mi piace stare qui, è molto bello. Mi piace la squadra, il livello è molto alto. Tutti hanno un’ottima tecnica, tutti sanno giocare a calcio. E’ stato un grosso cambiamento per me. Il livello è più alto e devo adattarmi molto, ma mi sento pronto e faccio il massimo per mostrare le mie qualità. Sto bene qui, mi piaccioni la città e i tifosi. Mi piace il clima, mi piace tutto di Napoli”.

“Cosa so dire in italiano?” – Continua Lindstrom – “So dire frasi normali, quando mi chiedono qualcosa riesco a capire un pò meglio. Capisco le parole, ma per me è difficile costruire una frase. Ma capisco le persona quando parlano. A casa ho una cuoca, lei parla solo italiano e il dialetto napoletano. La sento parlare ogni giorno e ascolto quello che dice. Mi piace e sto migliorando sempre di più, ma è difficile. Sono un pò timido, non sono uno che parla continuamente, o meglio parlo in inglese, ma non in italiano. Nel tempo libero, quando non gioco a calcio, mi piace passeggiare in spiaggia, con il mio bellissimo cane e la mia ragazza. Mi piace mangiare nei ristoranti, mi piace anche giocare al computer e parlare con i miei amici in Danimarca e a Francoforte. Parliamo quando giochiamo. Mi piace giocare al computer, per divertirmi nel tempo libero”.

Un passaggio culinario: “Il mio piatto preferito? Ovviamente la pasta. Lo è sempre stato, perchè ci sono vari tipi di pasta. Puoi mangiare diversi tipi di pasta, con vari condimenti, ad esempio il pesce o la carbonara. Mangio soprattutto pasta, ma anche il pesce. Alla mia ragazza non piace motlo il pesce, ma a me si. Non son dirlo in inglese o italiano, ma mi piace la pasta con il pesce, con i gamberi”.

Sugli hobby: “Mi piace la musica, penso sia sempre bello ascoltarla, quando sei in auto, nel pullman o in hotel. Non ho un artista preferito o un cantante preferito, ascolto di tutto. Musica del passato, musica moderna, pop, rap. Ascolto generi diversi Quando sono dell’umore, a volte in macchina ascolto la techno, a volte ascolto musica del passato, ad esempio anni ’90, generi molto diversi. Qualcosa che non sa nessuno? Non so se nessuno lo sa, ma forse nessuno ci pensa. Ho solo 5 anni, ne compirò 6 tra qualche giorno, perchè nessuno pensa che sono nato il 29 febbraio, che cade ogni 4 anni. E’ una piccola e divertente curiosità. Ciao tifosi del Napoli, Spero vi sia piaciuta l’intervista. Ci vediamo allo stadio, avremo partite divertenti: Spero ci sarete, ciao!”.

Condividi questo articolo