Ad imageAd image

Rocchi: “Sono contento di come hanno lavorato tutti gli arbitri”

Matteo Calitri
Matteo Calitri
3 Min di lettura
© Il Mio Napoli

Gianluca Rocchi,  attuale designatore degli arbitri della serie A, ha parlato a Radio Anch’io Sport, soffermandosi sulla situazione attuale degli arbitri in Italia sempre più contestati: “C’è stata una linea di arbitraggio più europea, con un miglioramento nella fluidità nel gioco. Non è stato un percorso semplice, ma i risultati sono molto positivi. Ma non dobbiamo dimenticare che il campionato italiano non è la Champions League: dobbiamo adattarci al nostro campionato. Cercando di prendere spunto dalle competizioni europee che sono riferimento per tutti”.

In cosa si può migliorare per la prossima stagione?
“Sono contento di come hanno lavorato tutti gli arbitri, soprattutto nelle condizioni in cui hanno lavorato. Abbiamo avuto anche problemi interni non indifferenti, sono riusciti ad estraniarsi da tutto. Si può migliorare nella continuità di rendimento, ogni tanto abbiamo avuto anche noi qualche scivolone. Soprattutto i più giovani devono meritarsi la grande fiducia nostra e dei club“.

L’organico resterà invariato?
“L’organico è da ridurre in maniera drastica, dobbiamo tornare a 40-42 arbitri, ora ne abbiamo dieci oltre il numero massimo. Quest’anno scenderemo di tre: è un lavoro faticoso. Per me il più difficile, è da non dormirci la notte, non è facile togliere il sogno della Serie A. Ma servono meno arbitri e più presenze sul treno del gioco”.

C’è la possibilità di prevedere conferenze stampa nel post-partita?
“L’obiettivo è farne con più frequenza. Il presidente AIA Pacifici è d’accordo con me: quando abbiamo modo di spiegare un episodio, abbiamo sicuramente risolto tutti i problemi. Sulle interviste post-partita non trovo corretto farlo fare agli arbitri, non perché non ne siano in grado, ma l’adrenalina è ancora alta. Non c’è neanche grande voglia di ascoltare il motivo per cui un arbitro ha commesso o meno un errore. L’unica risposta che si vorrebbe sentire è ‘sì, ho sbagliato”. Ma avremo risolto poco, a noi non interessa se ha sbagliato o meno, quello ci si arriva subito, ma perché. La soluzione può essere quella di avere uno spazio nostro ogni 15 giorni o una volta al mese per spiegare gli episodi. Gli assistenti devono invece tornare ad essere due arbitri aggiunti. La tecnologia ha invaso la loro area di competenza. Se vogliono avere un futuro vero, devono ritornare ad avere un ruolo tecnico”.

TAG: ,
Condividi questo articolo