Ad imageAd image

Napoli-Garcia: ecco come cambierà la squadra con il tecnico francese

Simone Meola
Simone Meola
3 Min di lettura
© Official Account Twitter Rudi Garcia

La squadra azzurra ha ufficialmente ingaggiato il nuovo tecnico ed ecco come potrebbe cambiare la squadra con lui

Rudi Garcia è il nuovo tecnico del Napoli ed ora sarà compito suo cercare di eguagliare e addirittura perfezionare quanto fatto nella scorsa stagione da Luciano Spalletti. Ha già avuto un passato in Serie A, dove ha allenato la Roma e questo potrebbe sicuramente metterlo a suo agio conoscendo già il campionato italiano. La squadra azzurra difficilmente cambierà molto con lui, in quanto il modulo che la società è intenzionata ad utilizzare è il 4-3-3, tuttavia il tecnico francese gradisce anche il 4-2-3-1.

L’importanza del 4-3-3 per la società partenopea

Trai requisiti imposti dal presidente Aurelio De Laurentiis in fase di preselezione degli allenatori c’era proprio il modulo imposto a tutti i candidati: il 4-3-3 tracciato da Spalletti. Questo per cercare di non stravolgere completamente le qualità tecniche e tattiche della squadra che ormai, come appurato in questa stagione, hanno dimostrato di rendere al massimo del loro potenziale con questo modulo. Rudi Garcia, dunque, avrà il ruolo di continuare in questa direzione e svilupparne le potenzialità rimaste ancora inespresse.

Il suo passato alla Roma.

Rudi Garcia in Italia ha allenato la Roma dove in due stagioni consecutive ha raggiunto il secondo posto dietro solo alla Juventus. L’allenatore francese era stato in grado di trasmettere alcuni principi riconoscibili: la ricerca della verticalità in fase di transizione offensiva col minor numero di tocchi e l’esaltazione del contropiede con gli esterni alti (che ai tempi erano Florenzi e Gervinho a sua disposizione).

Cosa cambierà per il Napoli?

Il Napoli è una squadra totalmente differente rispetto alla sua Roma. Il gioco della squadra azzurra è incentrata sul proprio capocannoniere, Victor Osimhen, abile nel dare profondità grazie alla sua velocità. Sia Spalletti che Garcia promuovo l’avanzamento degli esterni bassi, ma con diverse mansioni: il francese puntava sulle incursioni, mentre Di Lorenzo ha dimostrato di essere un’arma importante anche accentrando la sua posizione. Anguissa, centrocampista del Napoli, conosce molto bene Rudi Garcia. E’ stato allenato da lui nei due anni al Marsiglia. Bisognerà comprendere come il tecnico lo utilizzerà, anche perchè da quando si sono conosciuti ad oggi, il centrocampista ha fatto grandi progressi sia dal punto fisico che dal punto di vista tecnico/tattico.

TAG: ,
Condividi questo articolo