Ad imageAd image

Panchina Napoli, De Laurentiis non forza e preferisce cogliere le occasioni di mercato

Gianmarco Ruocco
Gianmarco Ruocco
2 Min di lettura
© SSC Napoli

Anche riguardo alla scelta dell’allenatore De Laurentiis mostra coerenza e decide di non lanciarsi in accordi impossibili ma di attendere le occasioni del mercato

La panchina del Napoli continua ad essere orfana di un proprietario. La sensazione è che sarà necessario pazientare ancora qualche giorno prima che la società si pronunci e comunichi l’erede di Spalletti. Tutta questa attesa, però, fa maturare nella piazza la convinzione che il prossimo allenatore azzurro non sarà il piano A di De Laurentiis. Le scelte di mercato, infatti, sono molto spesso dettate dalle opportunità. Queste alle volte possono essere altamente favorevoli, altre invece presentarsi come veri e propri scogli insormontabili. Durante l’attuale sessione estiva, ancora agli albori, i profili che più sembravano graditi alla dirigenza si sono rivelati molto difficili da raggiungere, in alcuni casi impossibili. La gestione Adl, poi, ha sempre seguito la linea, sia riguardo al campo che alla panchina, di non forzare e non svenarsi per situazioni in cui il matrimonio tra le parti sembra maledetto. Al riguardo, anche quest’anno, il presidente non ha peccato di coerenza.

© AC Fiorentina

Allenatori come Italiano e Paulo Sousa, che tra i nomi circolati sembrano essere stati i più vicini ad un accordo, hanno visto nei club di appartenenza un freno al raggiungimento della firma. Non a caso ad oggi il nome più quotato sembra essere quello di Galtier. Il francese, pur avendo un contratto in essere, ha chiuso con il Psg e potrebbe liberarsi abbastanza agevolmente per accasarsi al Napoli. Un piano B, se così si può dire, ma di lusso e con un curriculum di tutto rispetto, molto più ricco di quello di Italiano e dello stesso Sousa.

Condividi questo articolo