Ad imageAd image

Napoli-Sampdoria, lo spettacolo sugli spalti: striscioni mozzafiato in Curva A e B

Mauro Cucco
Mauro Cucco
3 Min di lettura
© Il Mio Napoli - Foto Marco Bergamasco

Napoli-Sampdoria si gioca esattamente un mese dopo la conquista dello Scudetto. Il terzo Scudetto della storia del Napoli. Ed esattamente un mese dopo l’aritmetica, maturata con il pareggio di Udine, con cinque giornate d’anticipo, gli azzurri ricevono ufficialmente la Coppa dei Campioni d’Italia. S gioca in un’atmosfera bellissima, in uno stadio allestito a festa, pieno fino all’orlo, con undici maxischermi per godersi la premiazione del post-partita ed anche lo show messo in piedi dal presidente Aurelio De Laurentiis.

© Il Mio Napoli – Foto Marco Bergamasco

La città di Parthenope ed i suoi trofei in Curva B – Ma lo spettacolo è anche sugli spalti, con cori, sciarpe, bandiere e fumogeni biancazzurri. E poi le splendide coreografie ideate dalle due curve. In Curva B un mega striscione che riprende una immagine stilizzata della “Città di Parthenope VII secolo A.C.” con lo stadio Maradona, sullo sfondo il Vesuvio e di fianco, quasi come un effige, il volto di Diego Armando Maradona. Sotto sfilano tutti i 12 trofei conquistati finora con le date, sostituito poi da questo striscione: “La nostra terra…le nostre tradizioni…il nostro tricolore!”. Firmato Curva B.

Gli scatti della Polaroid che scorrono in Curva A – E’ una bella partita non solo in campo ma anche sugli spalti, perché non si sa – seriamente – chi vince, chi preferire tra le due creazioni. Alla storicità della Curva B, risponde la tridimensionalità della Curva A che ripercorre le tappe degli ultimi vent’anni del tifo partenopeo. “Non c’è vittoria…senza memoria” compare in testa al settore. Ed ecco quindi che compare un tifoso incappucciato che scatta delle foto con la sua Polaroid. Vengono riprodotte sei immagini: Gela 2005, gli inizi, in Serie C, poi l’amichevole col West Ham nel 2010, la semifinale di Europa League col Dnipro del 2015, la coppa Italia di Roma del 2020, infine Verona 2022 e lo Stadio Maradona 2023 con il numero 3. “Scatti di storia…pieni di gloria”. Il Napoli ricomincia da tre. Anzi no, dall’entusiasmo e dalla passione delle sue due Curve. Entrambe Campioni d’Italia.

Condividi questo articolo