Ad imageAd image

Mario Rui: “Poter regalare lo Scudetto ai tifosi è stato bellissimo”

Gianmarco Ruocco
Gianmarco Ruocco
1 Min di lettura
© Il Mio Napoli - Foto Marco Bergamasco

Mario Rui è intervenuto nello speciale Dazn dedicato allo Scudetto del Napoli. Il laterale si è così espresso sul tricolore conquistato dalla squadra di Spalletti: “Prima della scelta del capitano c’era qualcosa di non normale, non dico confusione, ma erano partiti giocatori che hanno fatto la storia del Napoli: Insigne, il capitano, Mertens che qui è diventato leggenda. Ricordo che a pranzo il mister chiamò 4-5 di noi, c’era ancora Fabian, e ci disse ciò che si aspettava e voleva da un capitano. Di Lorenzo è l’atleta tipo, tutto quello che uno si può immaginare lui ce l’ha. Erano 33 anni che si aspettava questo momento, poter regalare lo Scudetto ai tifosi è stata una delle cose più belle. Viene da chiederti ‘Ma davvero è successo?”.

Il commento del lusitano sul match Juventus-Napoli: “Facevo fatica a parlare, l’ho dovuta guardare da solo, non riuscivo a trattenere l’ansia. Poi per com’è finita è stata una partita che mi ha riportato all’anno dei 91 punti di Sarri. Arrivammo secondi, ce lo giocammo fino in fondo, un paio di campionati sono andati così”.

TAG:
Condividi questo articolo