Ad imageAd image

Cannella: “Osimhen? Il Napoli saprà come sostituirlo”

Simone Meola
Simone Meola
3 Min di lettura
© Il Mio Napoli - Foto Marco Bergamasco

L’intermediario e dirigente sportivo ha parlato i microfoni di Radio Punto Nuovo del Napoli e non solo

Giuseppe Cannella, dirigente sportivo e intermediario, è intervenuto a Radio Punto Nuovo elogiando il Napoli e valorizzando il momento che sta vivendo. Queste le sue parole:

La festa è solo rimandata, ma sarebbe stato molto più bello festeggiare domenica dopo la Salernitana. Non facciamo però nessun dramma, il Napoli ha legittimato da tempo questa vittoria del campionato. E’ sotto l’occhio di tutti il dominio degli azzurri, che mai si era visto così importante. Non c’è il merito di qualcuno sull’altro, tra De Laurentiis, Giuntoli e Spalletti. Farei 33% l’uno e il restante 1% ai calciatori che hanno completato l’opera. Ora il Napoli può aprire un ciclo, è avanti già 2-3 anni rispetto alla concorrenza per programmazione e rosa a disposizione. Ora bisognerà vedere cosa succederà sul mercato, se resistere alle offerte per i suoi gioiellini o andare a rimpiazzarli. De Laurentiis è uno che ama le sfide”.

Le dichiarazioni di Cannella su Victor Osimhen e sulla sua eventuale partenza nella prossima stagione:

Osimhen? “Il Napoli saprà già come sostituirlo, facendo affidamento su un allenatore che sa come esaltare e migliorare il prodotto a disposizione. De Laurentiis il presidente più pazzo del calcio italiano? In questo momento sì (ride ndr), prendendo scelte coraggiose ed impopolari. Lui è andato avanti con le sue idee e chi vince ha sempre ragione. Personaggi così sono belli e pirotecnici. De Laurentiis va pontificato per come sta tenendo in ordine i bilanci, vincendo”.

Infine, il direttore sportivo e intermediario ha dato un suggerimento di mercato al Napoli, indicandogli un calciatore:

Samardzic? “Ricordo quando il Napoli comprò Zielinski, io ero al Modena e già da tempo lo seguivo alla primavera dell’Udinese. Il Napoli fu audace a investire sul polacco, quindi non vedo perché anche su Samardzic. Ha un sinistro che fa paura… Dovrà migliorare nella capacità organica, ma per qualità e estro non si discute. E’ uno dei migliori in Serie A“.

Condividi questo articolo