100422-spalletti2-giorno-www.ilmionapoli.itPhoto by Marco Bergamasco. Copyright © 2021 Il Mio Napoli. All rights reserved

Spalletti aspetta Kim a Castel di Sangro: i due hanno una passione in comune

Luciano Spalletti non vede l’ora di accogliere anche il suo quarto difensore centrale: Kim Min-Jae. L’allenatore toscano sarebbe più che soddisfatto qualora potesse cominciare la seconda parte del ritiro in Abruzzo (partenza sabato per Castel di Sangro) con a disposizione quattro difensori centrali (Rrahmani, Juan Jesus, Ostigard e, appunto, Kim). Tra l’altro il Corriere dello Sport fa notare che Spalletti ed il difensore corano hanno una passione in comune: la bicicletta. Nonostante in Corea del Sud le due ruote senza motore non rappresentino certo lo sport nazionale, Kim viene descritto come un autentico fanatico della bici e per accorgersene basta dare uno sguardo al suo profilo Instagram, dove Kim non posta tantissimo, ma è molto seguito (oltre 500.000 followers). Un profilo ricco di foto che lo vedono alle prese con ruote, manubrio e catena, non di rado anche per qualche escursione. Proprio la stessa passione di Spalletti, che al contrario viene da una terra dove la bici è sacra.

Soprannominato “The Monster”, Kim non parla l’inglese per cui ci sarà un interprete a seguire gli allenamenti. Anche se la lingua del pallone è ormai universale

Ragazzo peraltro ben piazzato fisicamente, dal momento che una delle virtù che Kim non deve invidiare a Koulibaly è l’altezza: con 190 cm il coreano è addirittura più alto del senegalese e se si aggiungono gli 86 kg di peso forma si intuisce presto la genesi del soprannome The Monster, considerando che la sua stazza è mediamente assai superiore rispetto a quella media dei connazionali. Del resto Kim viene da una famiglia di sportivi, con il padre ex judoka, lo zio ex allenatore di calcio e il fratello maggior portiere. Molto geloso della sua vita privata, Kim è padre di un bimbo di poco più di tre anni ed è anche molto attivo nel social in particolare nei confronti della Purme Foundation, ente di cui è stato nominato ambasciatore e che aiuta i bambini disabili in Corea.

Fonte: Corriere dello Sport