giuntoli-ritiro-www.sscnapoli.itCopyright © SSC Napoli

Giuntoli: “Su Kim aspettiamo info per affondare il colpo. KK? Non ce l’abbiamo fatta. Meret, il rinnovo c’è”

Su Dybala “non era più una opportunità”. “Ci manca un difensore ed un portiere”

Cristiano Giuntoli fa il punto della situazione al termine della prima fase del ritiro pre-campionato a Dimaro-Folgarida. Il Direttore Sportivo del Napoli ha accolto Leo Ostigard al suo fianco, il terzo acquisto di questa sessione estiva di calciomercato per gli azzurri. Si parte però dall’interesse per Kim, per il quale Giuntoli tiene la bocca cucita, segno che la trattativa è in una fase decisiva: “E’ un calciatore bravo che stiamo seguendo come seguiamo altri. Non posso dire di più, cercatemi di capire. Stiamo valutando e prendendo informazioni aggiuntive per poi affondare il colpo. Fiducioso? Lo sono sempre, su tutti”.

Dybala ha scelto la Roma: “Quando ero venuto qui qualche giorno fa avevo parlato di lui come di una opportunità, col passare del tempo pensavamo che fosse seriamente un’opportunità, poi averne parlato con i manager abbiamo capito che non lo era più e che, probabilmente, il Napoli non era una opportunità per lui”.

Qualcuno gli fa notare che Koulibaly era dichiarato incedibile e poi è andato via: “Koulibaly certo che per noi era incedibile, siamo stati per un mese a parlarci tutti i giorni ed abbiamo provato in tutti i modi a convincerlo, facendogli un’offerta altissima per i tempi nostri, che dobbiamo tornare ad essere una società virtuosa, un’orgoglio per la nostra città. Dicevo, volevamo trattenerlo in tutti i modi ma non ce l’abbiamo fatta. L’altra volta vi avevo detto che lui aveva preso tempo, ma in realtà aveva detto di no. Non siamo preoccupati, ma concentrati sul lavoro che dobbiamo fare. Ci sono troppe situazioni aperte di mercato e vogliamo darvi le informazioni corrette, mentre vogliamo lasciare il mister concentrato sul campo. Siamo dispiaciuti per la partenza di Kalidou ma il Napoli andrà avanti, andrà avanti con forza, abbiamo giovani di grande qualità e siamo fiduciosi”.

Dopo Dybala, l’opzione Deulofeu è ancora praticabile? “L’altra volta anche il mister è stato chiaro: vuole fare il 4-3-3 e Dybala sarebbe stato un colpo diverso, tatticamente parlando. Il mercato è lungo e siamo pronti a cogliere le varie opportunità”.

Questo Napoli può puntare allo Scudetto? “Lo Scudetto per noi è un sogno e dobbiamo sempre cullarlo. Puntare al massimo è sempre importante in qualsiasi ambito lavorativo. Abbiamo una squadra di valore che dobbiamo completare con un portiere dello stesso livello di Meret e con un difensore che sia di alto livello”.

A centrocampo com’è la situazione? Gaetano potrebbe rimanere? “Abbiamo tutti centrocampisti di grande livello ed arriverà qualcuno solo se uscirà qualcuno. Gaetano lo stiamo valutando, così come Zerbin, poi prenderemo le decisioni giuste per il bene dei ragazzi e del club”.

L’altra sera in piazza Spalletti ha salutato anche Mertens, ma c’è la parola fine? “Con Dries ha il rapporto diretto il Presidente e quello che succederà in futuro non si può sapere. Dries è un capitolo a parte della nostra storia non è paragonabile agli altri calciatori”.

Con Fabiàn Ruiz la situazione come sta? “Con Fabiàn parliamo col suo entourage almeno due volte a settimana. Il ragazzo è sereno, sta valutando le opzioni di mercato, vogliamo tenerlo in tutti i modi. E’ un calciatore a scadenza ed il mercato parla chiaro. Poi molto dipenderà dalla volontà del calciatore ed è normale sia appetibile”.

Con Meret cosa manca per il rinnovo? “Abbiamo un accordo, si stanno mandando i documenti gli avvocati e firmerà a breve”.

E’ vero che su Osimhen c’è il Bayern Monaco: “Non abbiamo ricevuto alcuna notizia, non posso essere d’aiuto”.

Anche Lozano è incedibile? Sono arrivate offerte per lui? “No, non sono arrivate offerte e siamo molto contenti di lui. Ci puntiamo molto quest’anno, dopo una stagione non fortunatissima dal punto di vista fisico”.

Come mai De Laurentiis si è fatto notare poco nonostante sia qui in ritiro? “E’ arrivato pochi giorni fa e lo vedo sempre molto coinvolto in tante situazioni. Lui è un Presidente che vuole vivere di persona non solo il calcio ma anche gli altri interessi di lavoro. E’ uscito poco dall’albergo perché aveva molto da fare”.

Cosa si sente di dire ai tifosi del Napoli? “E’ un periodo di rinnovamento ma il tifoso deve aver fiducia in una società che in 15 anni ha fatto tantissimo, di cui tanti anni di Champions. La famiglia De Laurentiis vanta tanto credito per essere applaudita”.

Giuntoli si sente un pò garante di questa società? “Venendo da annate difficili, anche per via del Covid, e per questo dobbiamo rimettere a posto un pò di cose senza andare a toccare la parte tecnica. Abbiamo preso calciatori che faranno parlare di sé e speriamo che lo facciano per molto tempo. Io sono qui da otto anni e sarò sempre qui a lottare giorno per giorno per questo club”.

Al Ds viene chiesta qualche info su campagna abbonamenti e nuove maglie: “Non mi occupo di questo”. Risponde il capo della comunicazione Nicola Lombardo: “Si sta lavorando. Manca ancora poco meno di un mese”

E’ vero che esce Petagna ed entra Simeone? E poi il futuro di Ounas? “Se ci fossero delle opportunità ci butteremo addosso. In questo momento non vedo questa opportunità ma il mercato è talmente lungo che ci può sempre riservare delle sorprese. Noi abbiamo tanti calciatori bravi che hanno avuto poco spazio in questi anni e non vogliamo trattenere giocatori controvoglia. Se ci saranno delle offerte siamo pronti ad accontentarli ed, ovviamente, a fronte di determinate uscite ci saranno delle entrate”.

Il “caso Politano” è rientrato? “Politano non è mai stato messo in discussione, poi se qualcuno ha voglia di andar via, che non è Politano, noi siamo sempre aperti a tutti, pronti ad ascoltare. Abbiamo voglia di tenere calciatori che, a loro volta, hanno voglia di rimanere a lottare per il Napoli. Siamo contenti di questo trend e Politano non è mai stato in discussione”.