koulibaly-europaleague-www.sscnapoli.it© SSC Napoli

Koulibaly: “Amo tutto di Napoli. Io e la mia famiglia stiamo bene qui”

Kalidou Koulibaly ha rilasciato una lunga intervista a Onze Mondial, magazine sportivo francese che lo vede come personaggio in copertina dell’ultimo numero. Tanti i temi trattati nell’estratto reso noto quest’oggi: dalla sua avventura al Napoli, al problema del razzismo, passando per lo scudetto mancato di quest’anno. Si parte dal razzismo: “Tutto sta nell’educazione, quando vedi gli adulti intorno a te che sono razzisti, i piccoli automaticamente pensano di avere ragione. Quindi fanno lo stesso. Tutti abbiamo avuto esempi quando eravamo giovani e se queste persone sono razziste, tendi necessariamente a farlo. Mentre se incontri costantemente persone tolleranti, nella diversità, nella condivisione, diventi così. La mia educazione è avvenuta in questo modo. Mia madre era tollerante, capiva sempre gli altri, non negava mai. Ecco perché oggi sono così, accetto tutti, tutte le religioni. Io sono di fede musulmana e ho amici cristiani ed ebrei, andiamo molto d’accordo. Dopo, ognuno ha la propria religione. Io, io sono un musulmano, faccio il Ramadan, le persone capiscono. A Napoli faccio il Ramadan tutti i giorni e non ci sono problemi. Mi rende felice, mostra che le persone si stanno aprendo. Mi fa venire ancora più voglia di andare da loro, di camminare verso di loro, di condividere tante cose con loro. Penso che questa sia la strada da intraprendere per andare verso un mondo migliore”.

Il rapporto di Koulibaly con Napoli: “Amo tutto! Il sole, il mare, le persone, l’entusiasmo per il calcio. Che abbiano 10 o 70 anni, amano il calcio. Tutti ti parlano di calcio. Mi piace molto il loro modo di accogliere gli stranieri. La mia famiglia e i miei amici sono più accolti di me quando arrivano in città e dicono il mio nome, sono accolti a braccia aperte, è qualcosa di grandioso. Amo vivere qui. I bambini lo adorano. Quando siamo in Francia, chiedono di tornare al Napoli. Amano la cultura italiana. I miei figli parlano correntemente l’italiano. Sono qui da 8 anni. Se sono ancora qui nonostante tutto quello che è successo è perché mi sento bene qui”.

A Napoli si vive per il calcio, ma non ci sono pressioni? “È vero. Può essere pesante. Ma quando sei giovane, cosa cerchi? Vuoi firmare autografi, scattare foto, farti riconoscere dalle persone per strada. A Napoli sei servito. Non puoi lamentarti di questo. A volte vuoi avere momenti di intimità con tua moglie o i tuoi figli. Quando vai in città, vuoi stare tranquillo. Ecco perché condivido le cose. Quando sono con la mia famiglia, cerco di scattare meno foto possibile. Dico alle persone che sono con la mia famiglia e loro capiscono. Quando sono solo o con gli amici, mi fermo per tutti. Quando sono con la mia famiglia, dico loro: ‘Sono con la famiglia, possiamo farlo un’altra volta?’. E capiscono”.

Al Napoli cosa manca per vincere lo Scudetto? “Non lo so. Diamo tutto in campo. Stiamo cercando di vincere questo scudetto che ci sfugge da più di 30 anni. Manca qualcosa. Un occhio esterno potrebbe aiutarci. Dall’interno, sembra di dare il massimo. Personalmente, cerco di dare il massimo in ogni partita. A volte non vinciamo le partite che ci permetterebbero di passare in vantaggio, è un peccato. Non posso dirti cosa ci stiamo perdendo. Penso che un occhio esterno ci aiuterebbe a capire”.

Il peso dell’eredità di Diego Armando Maradona è difficile da sopportare? “Sì, è difficile giocare dietro a Maradona. Maradona è un giocatore molto, molto importante per tutti i napoletani. È il giocatore che ha vinto loro lo scudetto. Non diremo da soli perché il calcio si gioca in undici, ma è stata la stella che è riuscita a raccogliere tutti i giocatori alle sue spalle per vincere lo scudetto. Inoltre, in quel momento, infuriava la lotta tra il Sud e il Nord. E ha vinto questa battaglia. Ha sempre detto che avrebbe combattuto per la gente del sud e lo ha fatto. È riuscito a vincere questo scudetto. Oggi giocare in uno stadio che porta il suo nome mette un po’ di pressione su tutti, soprattutto perché quest’anno abbiamo fallito. Stiamo cercando di essere all’altezza del suo nome, di questo stadio e spero che il club abbia successo”.