Maradona jr al veleno: “Ringrazio ADL, ma se domenica c’è Stefano Ceci io non vengo”

Commovente l’arrivo di Diego Armando Maradona jr, con la sua famiglia, moglie e figlio, dinnanzi alla statua dedicata al padre, all’esterno dello stadio. Dieguito ha salutato tutti gli ex azzurri presenti, da Giordano a Bruscolotti, da Carannante a Renica, ed ha raccolto anche l’abbraccio della tifoseria, coinvolgendo anche il figlioletto in braccio. Ma Diego ci tiene a precisare un aspetto: la statua appartiene al Pibe de Oro, non a Stefano Ceci. E’ guerra aperta contro l’ex collaboratore di Maradona. “La statua che si vedrà domenica è una statua donata da papà – ha dichiarato Diego jr – Io ringrazio il presidente De Laurentiis, con cui ho avuto una chiacchiera di mezz’ora ed ho trovato una persona splendida nel mettersi a disposizione nostra. Però lui deve capire noi familiari: se ci sarà Stefano Ceci domenica, allora noi non parteciperemo. Se ci tiene a noi come famiglia, allora non ci può essere Stefano Ceci”.

Sul processo a carico del dottor Luque: “Da parte di noi tutti fratelli c’è unità di intenti perché vogliamo sapere la verità di quello che è successo e perché ci sono persone che si vogliono prendere qualcosa che è nostro e non glielo possiamo permettere. C’è stata sicuramente negligenza da parte di qualcuno, il processo ancora non è iniziato ma noi andremo fino in fondo a questa storia”.