miccoli

Miccoli condannato in Cassazione a 3 anni e 6 mesi per estorsione

La seconda sezione della Cassazione ha confermato la condanna a 3 anni e 6 mesi per estorsione nei confronti di Fabrizio Miccoli, ex attaccante e capitano del Palermo. La conferma da parte della Suprema Corte dell’aggravante del metodo mafioso esclude qualsiasi possibile beneficio in favore dell’ex calciatore. La Corte di Cassazione ha confermato quanto riconosciuto dalla Corte di Apello di Palermo. Miccoli è stato riconosciuto colpevole di avere ottenuto dal suo amico Mauro Lauricella, figlio del boss della Kalsa Antonino, l’aiuto per il recupero di un credito di 12 mila euro investito nella discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine a favore di un ex fisoterapista della squadra, Giorgio Gasparini, mai indagato.