Spalletti: “Le difficoltà ci renderanno più forti. Curioso di vedere la reazione dopo l’Inter”

Luciano Spalletti interviene in conferenza stampa alla vigilia del match di Europa League contro lo Spartak Mosca. Queste le sue parole: “Le difficoltà aiutano le persone normali a diventare persone stupende o comunque ad avere un destino straordinario. Io mi aspettavo questi primi colpi di difficoltà, ma quando andava tutto bene sapevamo che non poteva durare. Anche ad inizio stagione non avevamo tutti a disposizione ma siamo riusciti ad andare oltre queste situazioni, grazie ad una rosa ampia. Ci faremo carico di queste responsabilità, un pezzetino ciascuno tra quelli che sono rimasti, e cercheremo di non avvertire difficoltà”.

In Russia vorrà tornare a vedere un Napoli più coraggioso: “Ma quando parlavo di mancanza di coraggio io mi riferivo ad un momento della partita. Contro l’Inter la partita l’abbiamo fatta, contro una squadra fortissima in tutti i reparti che viene da un paio di anni importanti. Inzaghi ha continuato un lavoro fatto dai precedenti allenatori, li abbiamo trovati in salute e noi siamo stati dentro la partita. Abbiamo perso un pò il controllo nella fase centrale del match ma sul 3-1 abbiamo avuto una grande reazione, mentre qualsiasi altra squadra avrebbe mollato. Abbiamo avuto quella vampata che ci ha dato forza per il finale in cui avremmo anche meritato qualcosa in più. Per cui quando parlavo di mancanza di coraggio è che mi aspettavo qualche scelta meno comoda in alcuni momenti della partita. Ci siamo accontentati di buttare qualche palla in fallo laterale, perché abbiamo le qualità per fare qualche scelta migliore e meno compassata”.

A Milano può esserci stato un momento di appagamento del Napoli: “Sono curioso anche io di avere che reazione avremo in Russia in base alla partita che abbiamo fatto a Milano, anche se abbiamo avuto soltanto due giorni. C’è stato solo lo spazio per far vedere giusto un paio di cose. Perché è quando l’Inter ha fatto l’assalto forte, dopo essere passata in svantaggio, che bisognava fare meglio. E’ quando ti vengono a prendere che devi saper reagire. Abbiamo sbagliato soltanto in qualche occasione, ma non siamo andati sotto dal punto di vista del gioco. Siamo stati anche un pò sfortunati. Perciò sono curioso di vedere come si comporteranno domani in Russia e come andremo incontro al nostro destino, a prescindere dalle difficoltà. Stamattina hanno fatto un grande allenamento per cui già vedo come stanno reagendo a questa prima sconfitta. E poi, guardando nel bilancio complessivo, penso che sia andata benissimo finora. Bisognerebbe ricordarlo a chi vuole vederci altro in questa sconfitta, a chi la vuole fare più grave di quello che é”.

Una domanda dalla stampa russa: vogliono sapere da Spalletti il livello del calcio russo rispetto a quello europeo: “Il nostro calcio può essere paragonabile a quello russo, considerando la stratificazione dei vari livelli. Se prendiamo il primo livello può essere sicuramente al pari del nostro calcio”.

Con una vittoria il Napoli è qualificato al turno successivo di Europa League: “Non vogliamo portarla oltre questa qualificazione. Abbiamo la possibilità di chiuderla qui e le intenzioni sono quelle”.

Ma sarà Mertens il vice di Osimhen: “Dries fa parte di quella rosa di calciatori importanti che ho a disposizione. Abbiamo dovuto fare a meno di lui all’inizio ma ora rientra pienamente nel discorso delle rotazioni di queste partite ravvicinate”.