stadio-maradona-pubblico

Napoli-Verona 1-1: Di Lorenzo replica a Simeone. Mertens si ferma al palo. IL TABELLINO

Napoli-Verona 1-1: esattamente come all’ultima giornata dello scorso campionato. Sei mesi fa la delusione per la mancata qualificazione in Champions League, stavolta l’amarezza per la mancata vittoria (l’undicesima) che, alla luce del derby di Milano, può rappresentare un’occasione persa per gli azzurri. Il super Verona di Igor Tudor ferma anche il Napoli dopo aver battuto Roma, Lazio e Juventus al Bentegodi. Al vantaggio dello spauracchio Simeone, che i tifosi partenopei ricordano ancora per la tripletta in quel Fiorentina-Napoli del 2018, ha risposto Di Lorenzo, al suo primo gol stagionale. Botta e risposta nel giro di 5′ con gli uomini di Spalletti che poi, nel secondo tempo, non riescono ad essere incisivi, al netto di un palo colpito da Mertens su punizione al 90′ (che fa il paio con la traversa centrata da Osimhen nel primo tempo). Il Verona chiude in 9 per le espulsioni di Bessa e Kalinic, entrambi subentrati, tra l’88’ e il 93′.

IL TABELLINO:

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Anguissa (85′ Mertens), Fabiàn Ruiz; Politano (61′ Lozano), Zielinski (61′ Elmas), Insigne (85′ Ounas); Osimhen (90′ Petagna)
A disp: Meret, Marfella, Demme, Lobotka, Zanoli All. Spalletti

VERONA (3-4-2-1): Montipò; Dawidowicz, Gunter (83′ Magnani), Ceccherini; Faraoni, Tameze, Veloso, Casale; Barak (75′ Bessa), Caprari (83 Kalinic); Simeone (75′ Lasagna)
A disp: Pandur, Berardi, Cetin, Cancellieri, Ruegg, Sutalo, Ragusa, Hongla All. Tudor

Arbitro: Ayroldi di Molfetta (VAR Abisso, AVAR Meli)
Reti: 13′ Simeone (V), 18′ Di Lorenzo (N)
Ammoniti: Rrahmani, Osimhen (N), Barak, Veloso, Dawidowicz (V)
Note: 28mila spettatori circa di cui 1000 ospiti. All’88’ espulso Bessa (V) per doppia ammonizione. Al 92′ espulso Kalinic (V) per doppia ammonizione. Angoli: 3-2. Recupero: 4′ st