halloween-insigne-mariorui-esultanza-gol-www.ilmionapoli.it-golPhoto by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Napoli-Bologna 3-0: questa squadra fa paura! Nove vittorie su dieci come il Milan

Con un “tiraggiro” di Fabiàn e due calci di rigore di Insigne, gli azzurri calano il tris alla squadra di Mihajlovic e tornano in testa insieme ai rossoneri dopo lo 0-0 di Roma. Gli azzurri, in tenuta Halloween, hanno la miglior difesa del torneo (3 gol subiti). Torna in campo Ghoulam

Napoli-Bologna 3-0. Questo Napoli fa veramente paura: altro che Halloween. Al Maradona, pur senza lo squalificato Spalletti, gli azzurri (in tenuta “horror”) calano il tris al Bologna di Mihajlovic nel posticipo del turno infrasettimanale, riprendendosi la vetta della classifica, riagganciando il Milan. Un “tiraggiro” di Fabiàn Ruiz e due rigori di Insigne decidono il match, smontando così anche il caso riguardanti i penalty sbagliati dal capitano, osannato dal pubblico di casa. Ospina mantiene la porta inviolata per la terza volta di fila, confermando il dato di miglior difesa del torneo con soli 3 gol subiti (il Milan ne ha presi 9). Il Napoli fa nove vittorie su dieci ed è sempre più padrone del suo destino. Altra nota lieta è il ritorno in campo di Ghoulam, sette mesi dopo l’ultimo infortunio.

Fabiàn confermato e spietato – Spalletti non rinuncia ad Insigne ed Osimhen e rispetto a Roma sostituisce solo Politano con Lozano e Zielinski con Elmas. Nel 3-5-2 di Mihajlovic confermato il tandem d’attacco della vigilia BarrowOrsolini per sopperire all’assenza di Arnautovic. E’ il Bologna a fare la partita nel primo quarto d’ora, anche non arriva mai ad inquadrare la porta. Il Napoli sfiora il gol al 15′ con un contropiede non finalizzato da Insigne. Tre minuti dopo ecco il gol dell’1-0: palla persa dalla difesa del Bologna e Fabiàn Ruiz, servito da Elmas, lascia partire un gran sinistro dal limite dell’area sul quale nulla può il portiere. Il “Tiraggiro” dello spagnolo, il terzo quest’anno dopo quelli di Genova con Genoa e Samp (per non scontentare nessuno), sblocca il risultato. Più tardi prova ad imitarlo Anguissa, con l’altro piede, ma mandando il pallone fuori.

Clicca qui per il tabellino di Napoli-Bologna

Insigne fa pace con il dischetto – Il Napoli amministra il vantaggio e la cosa gli riesce anche con una certa comodità. La squadra di Mihajlovic rimedia la seconda mazzata al 40′, quando l’arbitro Serra viene richiamato dal VAR per un braccio alto in area di rigore di un difensore del Bologna. OFR e calcio di rigore che Insigne, stavolta, nonostante le manovre di disturbo, non sbaglia: 2-0 poco prima dell’intervallo e festa grande per il capitano, coccolato dal suo pubblico dopo i due errori consecutivi contro Fiorentina e Torino. Ma Lorenzo fa anche di più perché al 60′ l’arbitro fischia un altro calcio di rigore, stavolta senza l’aiuto del VAR, per fallo su Osimhen, ed il capitano non si sottrae: palla nell’angolino, doppietta e 3-0. E addio “caso rigori”. Nel finale è pura accademia, con la nota lieta del ritorno in campo di Ghoulam, negli ultimi minuti, a sette mesi di distanza dall’ultimo infortunio, sperando sia veramente l’ultimo del suo infinito calvario. Così come infinito sembra essere il cammino più che esaltante di questo Napoli.