Ad imageAd image

Nardella: “Ho chiesto scusa a Koulibaly. Lui e Callejon nelle scuole di Firenze”

admin
admin
2 Min di lettura

Il Sindaco di Firenze, Dario Nardella, è intervenuto a Radio Punto Nuovo, per raccontare il suo punto di vista dopo gli episodi di razzismo nei confronti di Kalidou Koulibaly e degli altri calciatori del Napoli. Queste le sue parole: “Commisso a Firenze ha deciso subito di investire non solo sulla squadra ma anche sul territorio, sulla città. Ha puntato a realizzare il Centro Sportivo della Fiorentina al confine di Firenze e devo dire che i lavori procedono velocemente con campi da calcio, strutture, palestre per circa 70 milioni di euro. In questo momento sono a Napoli perché sono a vedere il tram che stanno costruendo e che collegherà la città al Centro Tecnico. Insulti razzisti? Questo è un becerume, frutto di ignoranza, cattiveria e violenza. Non possiamo derubricare questi cori come delle ragazzate, sarebbe un errore gravissimo. Quando parliamo di fair-play, finanziamo le campagne anti razzismo, parliamo di rispetto, non possiamo voltarci dall’altra parte in occasione di cori razzisti. Non è successo solo a Firenze, la stessa Fiorentina è stata vittima a Bergamo. Ho chiesto subito scusa a Koulibaly perché questa non è una città violenta e razzista e non dobbiamo confondere i singoli con la comunità. Ora però bisogna prendere misure drastiche e queste persone non devono tornare allo stadio. Se non prendiamo provvedimenti esemplari non ne usciremo mai. Bisogna anche lavorare con le scuole, con le famiglie per uscire dal problema sociale. Lo sport è un luogo di fratellanza, di valori veri. Il Governo del calcio non può fare finta di niente in questo caso. Mi piacerebbe portare Koulibaly e Callejon per le scuole di Firenze e di Napoli. I responsabili di questi cori devono non poter accedere a qualsiasi stadio. Complimenti alla Fiorentina che ha condannato subito e non sempre accade, ci vuole coraggio. Tutto il calcio deve essere unito in questa battaglia”.

Condividi questo articolo