Ad imageAd image

Costa (Min. Salute): “Nelle prossime settimane riapertura totale degli stadi”

admin
admin
3 Min di lettura

Il Sottosegretario è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo

Andrea Costa, Sottosegretario al Ministero della Salute, è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Il campionato è ancora lungo, sarà bello e combattuto. Vinca il migliore, che saprà esprimere il calcio migliore. Tifo Milan ma viva lo sport. Proprio lo sport ha lanciato dei segnali importanti. Tra l’altro è stato un anno eccezionale in quanto a risultati conseguiti. Il calcio e lo sport hanno lavorato da apripista.

Riapertura degli stadi? Il nostro Paese ha scelto di fare un percorso a tappe con la consapevolezza di non voler avere battute d’arresto. Io confido che se il quadro continuerà ad essere positivo (e non ci sono motivi per pensare il contrario) da qui a qualche settimana si arriverà al 100% di capienza negli stadi in Italia.  Per la durata del Green Pass abbiamo previsto una validità di dodici mesi Non dobbiamo confondere la validità con l’utilizzo del certificato perché l’utilizzo vale fino a fine anno e poi ci saranno nuove valutazioni. Se il nostro Paese continuerà in questo modo si può anche pensare di toglierne l’utilizzo. Roma-Napoli e Inter-Juventus del 24 ottobre con gli stadi pieni? In questo momento è difficile fare previsioni precise. Una ventina di giorni sono ancora pochi. Dobbiamo accogliere con positività l’obiettivo del 75%. Per partite di cartello come queste già questa percentuale è un grande traguardo. L’obiettivo del 100% confido di averlo nelle prossime settimane perché i dati sono positivi. Prima ci arriveremo e prima vorrà dire che il nostro Paese sarà tornato alla normalità. Il Decreto per il 75% verrà approvato domani dal Consiglio dei Ministri. Dopo la sosta ci sarà spazio per più tifosi allo stadio. Negli altri sport c’è la capienza ridotta perché c’è differenza tra spazi aperti e chiusi ma anche qui i numeri saranno al rialzo. Dobbiamo affrontare le prossime settimane con prudenza e responsabilità ma non paura dando segnali di fiducia. Nel momento in cui diciamo che il vaccino è la via d’uscita dobbiamo dare delle risposte di forza”.

Condividi questo articolo