koulibaly-napolijuve-www.sscnapoli.it@ SSC NAPOLI

Napoli-Juve 2-1: Politano e KK rimontano ed affossano Allegri. Primo posto e +8 sui bianconeri

Juventus ancora senza vittorie dopo tre giornate di campionato: è accaduto solo due volte negli ultimi 51 anni. Sbagliano Manolas, Szczesny e soprattutto Kean, i quali favoriscono le reti di Morata, Politano e Koulibaly. Insigne fa 400 ma si fa male

Napoli-Juve 2-1: gran vittoria in rimonta per la squadra di Luciano Spalletti. Allo stadio Diego Armando Maradona le cose non si erano messe bene per gli azzurri, con l’errore di Manolas che all’11’ ha favorito il vantaggio bianconero con Morata. Nella ripresa la super rimonta, con il pareggio di Politano al 57′ ed il tap-in di Koulibaly a 5′ dal termine. Due veri e propri “regali” confezionati dalla squadra di Max Allegri, perché sul pareggio Szczesny non blocca la sfera, mentre sul gol del 2-1 Kean tenta un goffo autogol, prima della comoda zampata del K2. Così, dopo tre partite di campionato, non solo la Juve si ritrova ancora senza vittorie ma, con un -8 in classifica ai danni proprio del Napoli, in testa a punteggio pieno (aspettando Inter, Roma ed una tra Milan e Lazio).

SBAGLIA MANOLAS – Spalletti ritrova Osimhen al centro dell’attacco e lancia Anguissa dal primo minuto. Allegri deve fare a meno dei sudamericani e Chiesa, lascia in panchina Kean e conferma la difesa a quattro con De Sciglio e Pellegrini sugli esterni. Nei primi 10′ c’è solo una squadra in campo: il Napoli, con Politano che si rende subito pericoloso dopo appena 20 secondi. Ma all’11’ Manolas fa la frittata, Morata in pressing recupera palla e beffa Ospina. L’inerzia della partita (che nel frattempo diviene più maschia e fisica) si sposta tutta dalla parte dei bianconeri, che al 43′ potrebbero finanche raddoppiare con Kulusevski ma Ospina evita il tutto.

Il tabellino di Napoli-Juve

SBAGLIANO SZCZESNY e KEAN – Nella ripresa Spalletti lancia subito nella mischia Ounas al posto di Elmas. Mossa efficace, perché l’algerino dà vivacità alla manovra offensiva degli azzurri, soprattutto sul centro-destra della linea di trequarti. La maggiore pressione esercitata dai partenopei porta al gol del pareggio, che arriva al 57′: tiro a giro di Insigne, Szczesny non blocca e Politano insacca. Il Napoli ci crede sempre di più, mentre la Juve va in apnea. Lozano prende il posto di Politano, mentre un attimo dopo Zielinski sostituisce l’infortunato Insigne (distorsione ad una caviglia). Allegri lancia Kean per gli ultimi minuti ma il neo-arrivato diventa un malus anziché un bonus, perché all’85’ si rende protagonista di un goffo “tentativo” di autogol, su cui s’avventa Koulibaly per il tap-in vincente. Secondo gol negli ultimi minuti, contro i bianconeri, per il K2. Juve incerottata ed anche sfortunata, Napoli più volitivo e coraggioso. Primo posto, punteggio pieno, 3° vittoria in 28 partite contro la Signora per Spalletti che si porta a +8 su Allegri. Un “giochino” che non gli piace ma che piace molto ai tifosi azzurri.