Ad imageAd image

Milanese: “L’Inter potrebbe soffrire le ripartenze di Osimhen”

admin
admin
1 Min di lettura
- Sponsored -
Ad imageAd image
Meteo
24°C
Napoli
poche nuvole
26° _ 21°
73%
1 km/h

Follow US

Altre categorie

Serie A

1331 Articoli

Europa League

98 Articoli

Conference League

76 Articoli

Calciomercato

2313 Articoli
Create an Amazing Newspaper
Discover thousands of options, easy to customize layouts, one-click to import demo and much more.

Osimhen: “A Napoli tifosi straordinari. Ora capisco perché grandi campioni hanno pianto quando sono andati via”

Victor Osimhen ha rilasciato una intervista al canale YouTube di Betssonport che è stata ripresa anche da quello ufficiale della SSC Napoli. L'attaccante azzurro ha risposto ad alcune domande, alcune molto personali, relative al suo carattere e al suo modo di stare in campo: "Mi reputo un tipo determinante, uno che non si arrende mai. In generale sono una persona gentile, anche se a volte complicata, cosa abbastanza normale nella vita. Posso dire che di base ho un cuore buono, non lo vedono tutti, e ci sta, per questo mi ripeto sempre nella mia mente che sono determinato e raggiungo i miei obiettivi". Le mie sensazioni la prima volta che ho giocato al Maradona? "Le prime emozioni risalgono non tanto alla prima volta che ho messo piede sul campo del Maradona, ma quando il club ha mostrato interesse per me. Ero molto felice di iniziare subito con i miei nuovi compagni di squadra. Poi mi ricordo Kalidou Koulibaly che mi ha raccontato dell’atmosfera dello stadio, di quando fai gol e i tifosi gridano il tuo nome come succedeva per Cavani e Higuain quando facevano lo stesso. Quindi ho sempre avuto in mente di anticipare il più possibile il momento del mio primo gol al Maradona, così da sentire lo stadio che gridava il mio nome ed è stato per me come un sogno che diventa realtà, perchè giocare sullo stesso campo in cui ha giocato il più grande giocatore di tutti i tempi, Maradona, e per me venire qui come un giovane giocatore che doveva ancora farsi un nome nel mondo del calcio è stato un grande privilegio e mi sento molto onorato". Un rituale pre-partita? "Sì, ne ho diversi. Prima di tutto dico le mie preghiere perchè è molto importante visto che sono molto credente, dico le mie preghiere e ascolto alcune canzoni che mi motivano. Poi, ripenso alla partita precedente, a tutti gli errori che ho fatto così da poterli correggere nella partita in arrivo. Per me è molto importante essere concentrato, sereno già dal giorno prima della partita, così che poi sono concentratosi su tutte le cose che voglio fare e tutte le cose che il mister vuole che io faccia. La musica che ascolto è molto importante prima di una partita perchè mi sprona a fare del mio meglio. Se non segno comunque provo ad aiutare la squadra, provo a difendere, provo a vincere e a combattere per loro sul campo. Queste sono le cose che mi distinguono quando provo a prepararmi per la partita". Descrivere i tifosi del Napoli con una parola? "Straordinari. Per me è assolutamente incredibile. Ormai sono nel calcio da 6-7 anni e lo dico in ogni intervista quando mi chiedono dei tifosi de Napoli. Quando devo cercare una parola per descriverli resto senza parole perchè sono assolutamente travolgenti. E’ elettrizzante, non ho mai visto nulla di simile. Una città così grande che prende il calcio così seriamente e il modo in cui i tifosi supportano la squadra è veramente da non credere. Ho giocato in altri club, ma la passione che i napoletani hanno per il loro club è fuori da questo mondo. Lo puoi vedere allo stadio, quando perdiamo o quando vinciamo, tutti lo stadio è veramente elettrizzante, ogni giocatore ha la pelle d’oca, non solo Victor, e quando segniamo è fantastico, l’intero stadio si capovolge e inizia a festeggiare. Sono tra i migliori tifosi al mondo per come supportano la loro squadra e per come vivono la vita di tutti i giorni assicurandosi che l’identità di questo club dia connessa ad essi. Per me è una sensazione fantastica, in alcuni club è la storia che crea l’identità, a Napoli sono i tifosi che rendono la quadra ciò che è. Il modo in cui tifano la squadra e ogni giocatore è davvero incredibile. A volte capisco perchè alcune leggende del passato hanno pianto nel momento in cui se ne sono andate da Napoli, perchè è un’emozione fuori dal comune giocare nello stadio e sentire urlare il tuo nome dal primo minuto al 90esimo, supportando la squadra e tifando".

Mauro Cucco Mauro Cucco

Contents
Napoli-Atalanta 0-3: Campioni d’Italia contestati e fuori da Champions e zona Europa. Non è una Buona Pasqua Viaggio nella Ciutat Esportiva del Barcellona: 9 campi, l’Estadi Cruyff e non solo calcio (FOTO) Napoli-Torino 1-1: la zona Champions se ne va. Kvara non basta: corsa all’Europa sempre più disperata Napoli-Juve 2-1: due lampi azzurri accecano la Vecchia Signora FOTOGALLERY – Castel Volturno: primo allenamento di Calzona alla vigilia di Napoli-Barcellona Napoli-Genoa 1-1: niente rimonta mazzarriana stavolta. Ngonge evita il Ko, ma la zona Champions ora è una chimera Napoli-Salernitana 2-1: una vittoria Mazzarriana! Urlo liberatorio all’ultimo minuto Napoli-Braga 2-0: missione compiuta. I Campioni d’Italia ritrovano vittoria, Osi e Maradona e conservano l’Europa che conta Napoli-Inter 0-3: tris nerazzurro ai Campioni d’Italia, ora a -11. Il Maradona resta un tabù Inaugurata la sede del Club Napoli Monte di Procida (FOTO e VIDEO) Traorè è il simbolo del mercato fallimentare fatto a gennaio. Il motivo Napoli, il mese prossimo parte la rivoluzione estiva: tanto da lavorare Napoli, report allenamento mattutino: le ultime su Olivera Duro confronto tra Calzona e la squadra, assente alla riunione De Laurentiis Osimhen vicino all’addio: il PSG è pronto a pagare i 120 milioni della clausola al Napoli Il Milan si defila per Conte: il Napoli ha l’opportunità per approfittarne e lo pressa! Stadio del Napoli a Bagnoli: il progetto di De Laurentiis ha sollevato molti dubbi. I dettagliUltime news Traorè è il simbolo del mercato fallimentare fatto a gennaio. Il motivo Napoli, il mese prossimo parte la rivoluzione estiva: tanto da lavorare Napoli, report allenamento mattutino: le ultime su Olivera Duro confronto tra Calzona e la squadra, assente alla riunione De LaurentiisFollow USChampions League Napoli ancora in corsa per l’Europa: condizione fisica indecifrabile, ma calendario favorevole Serie A, si può arrivare a 6 squadre in Champions: ecco la formula Champions League, UFFICIALE: Italia con 5 squadre. E potrebbero essere anche 6! Champions: City-Real 1-1, poi Ancelotti batte Guardiola ai rigori. Semifinale col Bayern (1-0 all’Arsenal) Champions League: Barça-Psg 1-4, Dortmund-Atletico Madrid 4-2. Francesi e tedeschi in semifinale Bundesliga, Bayer Leverkusen Campione di Germania per la prima volta: +16 sul BayernAltre categorieSerie AEuropa LeagueConference LeagueCalciomercatoAltre newsCreate an Amazing NewspaperSponsored Content Sony WF-10XM4: Headphones Are Our Absolute Favorite 20+ Pics That Prove Jennifer Is a Timeless BeautyVideo Gallery Osimhen: “A Napoli tifosi straordinari. Ora capisco perché grandi campioni hanno pianto quando sono andati via” Empoli-Napoli 1-0, gli HIGHLIGHTS: il gol di Cerri al 4′ basta per i tre punti. Gli azzurri assenti! Empoli-Napoli, gli HIGHLIGHTS dell’ultimo precedente al Castellani: finì 0-2 per gli azzurri! Napoli-Frosinone 2-2, gli HIGHLIGHTS della 32^ giornata: il sogno europeo si allontana! Bundesliga, Bayer Leverkusen Campione di Germania per la prima volta: +16 sul BayernSport Sci alpino, il ritorno di Hirscher: il campione ritiratosi nel 2019 rappresenterà l’Olanda Tamberi si prepara agli Europei di Atletica Leggera a Roma: “Voglio confermare l’oro” Malagò sulla scelta dei portabandiera per l’Olimpiade di Parigi: “Premiati gli ori di Tokyo” Sinner: “Essere a Madrid come numero uno? Non mi dà alcuna pressione” Tennis, Djokovic: “Spero di poter giocare almeno un’altra volta contro Nadal”MotoriStay Up to DateNews dal Mondo
Condividi questo articolo