03042021-insigne-esultanza-osimhen-mertens-giorno-gol-www.ilmionapoli.itPhoto by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Lucarelli: “Allenare il Napoli? Magari in futuro. Gattuso lo conosco da una vita”

L’allenatore ha appena ottenuto la promozione in Serie B con la Ternana

Cristiano Lucarelli, ex attaccante del Napoli, ha parlato ai microfoni di Radio Marte: “Ternana la squadra più forte? Lo siamo diventati durante il percorso, c’era tanta concorrenza. E’ stata molto utile la striscia di 11 vittorie consecutive che abbiamo fatto tra inizio e metà stagione. Abbiamo preso un margine di vantaggio importante, i ragazzi sono stati bravi e il margine è addirittura aumentato. De Laurentiis? Non ci siamo sentiti. Penso che abbia altro a cui pensare perché è una persona impegnata. Gattuso? Con Gennaro mi legano 30 anni di amicizia, abbiamo iniziato da ragazzini insieme ed entrambi come calciatori ci siamo tolti grandi soddisfazioni. Come allenatore anche lui è partito dal basso e ha mangiato pane duro in Serie C e in Grecia. Ha lavorato bene con il Milan. Purtroppo da allenatori si rimane un po’ schiavi di quello che siamo stati come calciatori, quindi si pensa solo che sappia dare carattere invece non è solo questo, lui ha sempre preparato benissimo le partite e ha uno staff di livello. Però ripeto: noi ex calciatori recenti veniamo visti con la stessa immagine di prima. Osimhen? Ovviamente bisogna dare tempo. E’ vero che il nostro campionato non è il più bello al mondo ma rimane tatticamente tra i più difficili, bisogna adattarsi.

Allenare il Livorno o il Napoli? Il Livorno l’ho già allenato. Conoscete il mio affetto per Napoli: magari in un futuro prossimo sarebbe una bellissima cosa. Non credo di essere l’unico aspirante per quella panchina, credo sia molto ambita. Forse tra qualche decennio! Urlo di Napoli-Lazio 4-3? Ho ancora i capelli spettinati. Credo che per me e come sono fatto io che la gavetta sia un percorso naturale e obbligato”.