Leao a digiuno da 2 mesi: sarà lui a guidare l’attacco del Milan contro il Napoli

Dei timidi segnali di ripresa Rafael Leao li ha mostrati già contro il Verona e in trasferta a Manchester, ma stasera contro il Napoli tutto il Milan si aspetta di più. Il talento rossonero guiderà ancora l’attacco, sarà il terminale offensivo in attesa del pieno recupero di Ibrahimovic e Mandzukic, e anche quello di Rebic. Il portoghese ha qualità e mezzi per essere uno dei giocatori più decisivi dell’intera serie A ma tende spesso ad isolarsi dal gioco oppure a non leggere con prontezza alcuni movimenti offensivi che chiede l’allenatore. Il lavoro di Pioli con Leao è costante, quotidianamente il tecnico del Milan prova a motivarlo per tenere sempre alta la soglia d’attenzione. E quando non c’è Pioli arriva Ibrahimovic a spronarlo a dovere. Lo stesso Zlatan ritiene che Leao sia il più grande talento del club, ma dopo quasi due stagioni in rossonero è arrivata la fase in cui può davvero fare la differenza.

Il portoghese non segna ormai da 2 mesi in serie A, dal 9 gennaio scorso contro il Torino.

In mezzo solamente un assist alla ventunesima giornata contro il Crotone, e ora tutta la squadra spera che Rafa possa sbloccarsi, in un momento decisivo della stagione. I gol del reparto offensivo stanno mancando molto al Milan, specialmente della punta. Leao ha messo a segno solamente cinque reti in tutto il campionato (oltre a cinque assist) ma il distacco con Ibrahimovic (fermo a 14 reti) è molto ampio. Stefano Pioli spera che stasera Leao possa finalmente interrompere un digiuno che dura da otto partite consecutive in serie A.

Fonte: Corriere dello Sport