Photo by Marco Bergamasco © Il Mio NapoliPhoto by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Napoli-Spezia 1-2: storica impresa dei liguri, in rimonta e con un uomo in meno

Napoli-Spezia 1-2: clamorosa impresa dei liguri che espugnano lo stadio Diego Armando Maradona. La squadra di Gattuso perde la prima gara casalinga del nuovo anno e fa decisamente un passo indietro dopo l’1-4 di Cagliari, facendosi rimontare, in superiorità numerica, dallo Spezia di Italiano. L’unico comune denominatore rispetto a tre giorni fa è l’enorme quantità di palle-gol sprecate dagli azzurri, i quali trovano il gol soltanto nella ripresa con l’ingresso in campo di Petagna, al 15esimo tiro in porta. Poi la straordinaria rimonta dello Spezia con il rigore di Nzola (fallo ingenuo di Fabiàn Ruiz), e il gol di Pobega dopo l’espulsione di Ismajli. Per il Napoli è la quinta sconfitta in 15 gare di campionato, la terza in casa. Per lo Spezia è la prima, storica, rimonta in Serie A.

Il Tabellino di Napoli-Spezia

ARREMBAGGIO NAPOLI – Gattuso propone Lozano centravanti, Politano di nuovo dal 1′ e Petagna in panchina. Italiano schiera lo Spezia con un 4-3-3 che in fase difensiva diventa un 5-4-1. Come a Cagliari, il Napoli colleziona una caterva di palle gol fin dal 1′, quando Fabiàn lancia Lozano, il quale serve Insigne tutto solo a centro area che fallisce clamorosamente. Al 4′ tiro a giro di Politano finito fuori, due minuti dopo ci prova Bakayoko col portiere che devia in angolo. Fioccano palle gol su palle gol: alla fine saranno 13 tiri in totale, di cui 6 nello specchio, tutte occasioni fallite.

NON SI SEGNA – All’11’ pressione di Lozano su Provedel, palla ad Insigne sul cui tiro il portiere si riscatta, poi Fabiàn e ancora Insigne non riescono a trovare la porta sulle ribattute. Si tira verso una sola porta, quella dello Spezia: al 21′ tiro alto di Politano, al 26′ indecisione di Lozano in area piccola che non prova la conclusione davanti al portiere, impegnandolo poi 3′ dopo col pallone non trattenuto che termina in rete ma gol annullato per fuorigioco in partenza del messicano. Al 37′ altra parata di Provedel sul tiro di Insigne, imbeccato da Zielinski: il Napoli non segna e così si va all’intervallo sullo 0-0.

IL BUIO DOPO PETAGNA – Dopo 7′ del secondo tempo entra Petagna che al primo tiro in porta trova la deviazione di Provedel, mentre al secondo, sul traversone di Di Lorenzo, trova il gol dell’1-0. Quarto centro stagionale per l’ex Spal. Il vantaggio del Napoli dura poco più di 10′, perché Fabiàn Ruiz commette un ingenuo fallo da rigore che Nzola trasforma spiazzando Ospina. Lo Spezia resta anche in dieci per il doppio giallo rimediato da Ismajli ma la squadra di Italiano riesce, clamorosamente, a ribaltare il match. All’82’, dopo il palo colpito da Nzola, la ribattuta di Pobega che approfitta della dormita dei centrali azzurri. Elmas e Llorente, subentrati alla disperata, falliscono le palle-gol del possibile 2-2. Finisce incredibilmente 1-2 per lo Spezia nonostante i 27 tiri in porta del Napoli.