17102020-giorno-osimhen-hysaj-gattuso-abbraccio-mertens-lozano-maglia-esultanza-gol-www.ilmionapoli.itPhoto by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Napoli-Atalanta 4-1: azzurri a punteggio pieno e imbattuti…sul campo!

Napoli-Atalanta 4-1: questa la risposta degli azzurri dopo lo 0-3 a tavolino inflitto dal Giudice Sportivo per la mancata disputa della gara con la Juve. In un San Paolo affollato da mille spettatori presenti tra le Tribune Posillipo e Nisida, la squadra di Gattuso demolisce quella di Gasperini incantando con un primo tempo spaziale. Nell’arco della prima frazione il Napoli va tre volte in gol tra il 23′ ed il 30′, due con Lozano (seconda doppietta consecutiva) ed una con Politano, ed una quarta volta con Osimhen, al 43′, alla sua prima esultanza personale in maglia azzurra. Esordio vincente per Bakayoko dal 1′. L’Atalanta (in gol con Lammers), vittoriosa nelle prime tre di campionato, travolta dall’impeto del Napoli, imbattuto sul campo.

QUATTRO GOL IN 45′ – E’ un Napoli fenomenale, che aggredisce più dell’Atalanta, costretta ad indietreggiare di almeno quindici metri e tenuta ripetutamente nella propria metà-campo dalla formazione di Gattuso. Esordio dal 1′ per l’ultimo arrivato Bakayoko. Tantissima pressione da parte degli azzurri che divorano il campo e finiscono per assediare la difesa della squadra di Gasp, che si fa vedere soltanto con una conclusione di Gomez di un palmo fuori. Un giro di lancette ed il Napoli sblocca la partita: Osimhen allarga per Politano, discesa sulla destra di Di Lorenzo, sovrapposizione e cross teso per Lozano che non può sbagliare. L’attacco esplode e in 7′ arrivano altri due gol, il secondo sempre con Lozano (alla sua seconda doppietta consecutiva dopo il Genoa) col destro, e poi il terzo alla mezz’ora con Politano di sinistro. Manca all’appello soltanto Osimhen che timbra, per la prima volta, al 43′ con forza e caparbietà dal limite dell’area. Gol dedicato alla campagna #EndSARS riguardante la forza di polizia nigeriana accusata di oppressioni e violenze. Napoli 4, Atalanta 0 soltanto nel primo tempo.

CONTROLLO TOTALE – Nella ripresa Gasp prova a dare la scossa ai suoi con Mojica al posto di Zapata e poi cambia il marcatore su Osimhen, non più Palomino ma Djimsiti. Ma l’Atalanta non riesce mai a creare pericoli dalle parti di Ospina. A quel punto Gasperini cambia anche Gomez con Lammers ed il rientrante Ilicic con Malinovskyi. Dall’altra parte Gattuso preserva Politano, che ha preso una botta, inserendo Ghoulam alto a sinistra. L’Atalanta accorcia le distanze proprio con il neo-entrato Lammers, bravo ad approfittare dell’unico svarione difensivo concesso da Koulibaly e company. Dopo Ghoulam esterno alto, Gattuso ripete l’esperimento: Malcuit esterno alto di destra al posto di Mertens con passaggio al 4-4-2. Finisce in totale controllo per il Napoli che si rialza dopo la sconfitta…a tavolino, in casa della Juve. Chissà cosa sarebbe successo se…

IL TABELLINO:

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj; Fabiàn Ruiz (83′ Demme), Bakayoko (74′ Lobotka); Politano (60′ Ghoulam), Mertens (74′ Malcuit), Lozano; Osimhen (83′ Petagna)
A disp: Meret, Contini, Mario Rui, Llorente, Maksimovic, Rrahmani All. Gattuso

ATALANTA (3-4-1-2): Sportiello; Toloi, Palomino (46′ Djimsiti), Romero; De Paoli, De Roon, Pasalic, Gosens (81′ Muriel); Gomez (55′ Lammers); Ilicic (63′ Malinovskyi), Zapata (46′ Mojica)
A disp: Radunovic, Rossi, Sutalo, Freuler, Hateboer, Miranchuk All. Gasperini

Arbitro: Di Bello di Brindisi (VAR Nasca, AVAR Preti)
Reti: 23′, 27′ Lozano (N), 30′ Politano (N), 43′ Osimhen (N), 69′ Lammers (A)
Ammoniti: Toloi, Gosens, Djimsiti (A), Lozano (N)
Note: mille spettatori presenti. Angoli: 6-2. Recupero: 1′ pt, 4′ st