Napoli Story, Taglialatela: il portiere che sfiorò la Nazionale

Prosegue l’appuntamento di Napoli Story, con l’approfondimento su Taglialatela

E’ il 1987 ed un giovane portiere arriva a Napoli: Giuseppe Taglialatela fa parte della storica rosa campione d’Italia, terzo dietro Garella e Di Fusco. In quella stagione non collezionerà molte presenze tanto da essere ceduto in prestito per molte stagioni. Nei primi anni 90′, complice l’arrivo di Galli, girovaga in Serie B dove si “fa le ossa”, pronto per tornare nel 1993 a guidare la difesa partenopea.

In quella stagione con Marcello Lippi in panchina gli azzurri raggiungono il sesto posto e la qualificazione in Uefa. Il portiere debuttante si distingue per subire solo 27 reti in 29 giornate, facendo intravedere buone prestazioni che contribuiscono al risultato stagionale. L’anno successivo dopo una lunga rincorsa l’Europa viene solo sfiorata, con l’estremo difensore che regge più volte il risultato. Da più parti si parla di un suo approdo in Nazionale, cosa che però non avverrà mai: un peccato date le immense doti atletiche ed esplosive del calciatore.

Stagioni interlocutorie e retrocessione in B

Nelle stagioni successive il Napoli non riesce a ripetersi. Prima un 12esimo posto, poi un 13esimo che non soddisfano una piazza abituata a ben altri risultati. Nel 97′ c’è la possibilità di tornare a sollevare un trofeo, la Coppa Italia. Taglialatela si rivela decisivo nella semifinale di ritorno contro l’Inter, parando un rigore a Paganin.

La finale però sarà amarissima. Dopo la vittoria di misura contro il Vicenza, al ritorno ci sarà una sconfitta nei supplementari con un netto 3-0 che suonerà per molti come una disfatta. La stagione successiva va però anche peggio: il Napoli infatti retrocedette dopo 33 anni ininterrotti in A. Per i tifosi fu quasi come risvegliarsi da un lungo shock.

Società Sportiva Calcio Napoli 1997-98

Nella stagione successiva si provò subito a risalire ma i risultati altalenanti condannarono gli azzurri ad un altro anno di purgatorio. In cadetteria Taglialatela vestirà anche la fascia di capitano, per poi essere ceduto alla Fiorentina, dove vincerà una Coppa Italia.

Attualmente veste i panni di direttore generale all’Ischia. Negli occhi dei tifosi sono indimenticabili le sue parate funamboliche, tanto da meritarsi l’appellativo di “Batman“. Può inoltre vantare un ottimo score per i calci di rigore: su 27 concessi ne ha neutralizzati ben 11.

LASCIA UN COMMENTO

You must be logged in to post a comment.