SIBILIA-FIGC

Sibilia: “Europei non a rischio. Gare in chiaro sarebbe ideale”

Cosimo Sibilia, vicepresidente vicario della Figc, nonché presidente della Lega Nazionale Dilettanti, è intervenuto a Kiss Kiss Napoli: “Doveroso fare quello che è stato fatto dopo le decisioni del Governo. Capivamo che c’era un problema importante e, quindi, tutti noi della Lega nazionale dilettanti abbiamo sospeso tutto dando risposte importanti in termini di salute rispetto a tutti i dirigenti, calciatori e medici della nostra categoria”

“Europei? Attualmente non è assolutamente messo in dubbio il loro svolgimento”

Sulle partite in chiaro Sibilia ammette: “Si dovrebbe mettere tutto da parte e collaborare tutti insieme. Capisco che la Serie A ha i suoi interessi, ma in un momento difficile bisognerebbe dare tutti un contributo. Il Consiglio dei Ministri potrebbe intervenire con un decreto governativo per mettere insieme tutti, altrimenti ci sarebbero legittime difficoltà. C’è bisogno di un ente sovrasportivo, e cioé politico, che intervenga per risolvere il problema. Viviamo in uno stato di diritto, e la Lega ha i suoi diritti. Per superare questo empasse c’è bisogno di un ente superiore”.

“Ho sentito tutti i rappresentanti territoriali della Lnd. Dalle zone rosse al resto d’Italia. Lunedì un direttivo nazionale, ma fin qui ho registrato grande solidarietà da parte di tutti. Non abbiamo mai avuto ripensamenti su ciò che andava fatto, e se mi sono potuto assumere le mie responsabilità è grazie al lavoro di tutti. Il nostro mondo ha risposto alla grande”.

Annullare le amichevoli della Nazionale di Mancini? Per fare un’amichevole ci sono dei contratti scritti. Ma annullare le amichevoli della nazionale potrebbe essere un modo per recuperare alcune giornate saltate. Bisognerebbe però concertare il tutto con le nazioni ospitanti come la Germania. Poi sento anche di problematiche relative al trasferimento della squadra e soprattutto dei tifosi e, se un’amichevole deve giocarsi a porte chiuse, a questo punto meglio non giocarle e pensare a strategie alternative”.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *