gattuso-champions

Gattuso: “A Barcellona vorrei avanzare di 10-15 metri. Però ora pensiamo a Torino e Inter”

Gennaro Gattuso in conferenza stampa dopo Napoli-Barcellona commenta l’1-1 del San Paolo che segna il suo debutto personale in Champions da allenatore: “Il Barcellona ha trovato difficoltà perchè abbiamo giocato una partita molto attenta. Siamo stati bravi con i centrocampisti e con tutta la squadra. Abbiamo sbagliato solo sul loro gol, anche perchè l’hanno preparata bene andando ad aggredire il terzino. Maksimovic e Manolas potevano scivolare in maniera migliore, ma se il Barcellona non è riuscito a fare quello che ha fatto domenica scorsa il merito è del Napoli”.

Come stanno Mertens e Insigne? “Non so, valutiamo domani. La caviglia di Dries era un pò gonfia. Spero che stiano bene entrambi e di averli a disposizione per il Torino”.

Più dispiaciuto per il gol subito o per il mancato 2-1? “Sono dispiaciuto perchè abbiamo commesso un mezzo errore e ci hanno castigato. Sicuramente quando ha tirato Insigne potevamo giocarla diversamente, perchè c’era Milik libero e poi con Callejon abbiamo mancato l’occasione. Ma abbiamo fatto una partita di gran sofferenza e di questo sono contento. Potevamo palleggiare meglio, questa è la delusione più grande”.

Al Camp Nou con lo stesso atteggiamento? “Abbiamo giocato di reparto in tutte le zone del campo, abbiamo letto bene le situazioni mostrando anche una buona qualità. Sono rammaricato per l’1-1 ma non cambiava nulla, neanche con l’1-0. Bisogna andare a fare una grande partita a Barcellona ma il ritorno ci sarà tra tre settimane. Ora voglio pensare al Torino ed alla Coppa Italia. Questa partita ci ha dato la consapevolezza che se giochiamo da squadra possiamo fare bene ovunque. Poi al Camp Nou mi piacerebbe giocare 10-15 metri più avanti”.

Ma al ritorno si può fare l’impresa? “Non è finito nulla. Sappiamo che ci saranno delle difficoltà, ma ci compreremo l’elmetto e lo scudo ed andremo a giocarcela anche lì”.

Sembra ci sia quasi delusione: “Difatti sembra che abbiamo pareggiato giocando una gara senza concetti e senza nulla, ma una grandissima partita con grandi contenuti. Qualcuno può storcere il naso pensando che si poteva fare di più, ma abbiamo fatto una gran partita contro il Barcellona. Abbiamo giocato di reparto e guai se non lo avessimo fatto: ci avrebbero fatto venire il mal di testa”.

Al ritorno cosa si augura di vedere? “Dovremo essere bravi a migliorare due cose: giocare 10-15 più avanti con la pressione e poi potevamo uscire prima dalla pressione loro con l’ampiezza dei nostri terzini e delle mezzali”.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *