telecamera-tv-dirittitelevisivi-dirittitvPhoto by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Pay-tv illegali, per la prima volta colpiti anche i consumatori

Nella lotta virulenta nei confronti delle IPTV, le cosiddette pay-tv illegali, per la prima volta sono i consumatori ad essere passibili di sanzioni.

E’ quanto riporta la Guardia di Finanza che riferisce di 223 persone denunciate per aver usufruito di abbonamenti “non ufficiali” alle maggiori piattaforme televisive a pagamento, guardando in maniera fraudolenta contenuti “pay”.

L’accusa è relativaal al reato di ricettazione: in caso di condanna, in base alla legge sul diritto d’autore, ci sarà la confisca gli strumenti utilizzati per la fruizione del servizio (computer, tv, smartphone).

Iinoltre rischiano sanzioni pecuniarie fino a 25 mila euro di multa e reclusione fino a otto anni.

Lotta e contrasto alle attività illegali

L’attività è volta allo smantellamento di uno dei principali veicoli in cui prospera la pirateria digitale: la piattaforma IPTV (acronimo di Internet Protocol Television).

Quest’ultima consente, attraverso un abbonamento, di usufruire illegalmente di contenuti a pagamento e anche dei palinsesti pay per view.

L’uso di queste piattaforme comporta il rischio, spesso inconsapevole, di consegnare i propri dati personali alla criminalità organizzata.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *