foto TUTTINSIEME

Calcio balilla, al via il torneo interscolastico inclusivo “Tuttinsieme”

Al via il torneo interscolastico inclusivo di calcio balilla, promosso dalla Fpicb (Federazione Paralimpica Italiana di Calcio Balilla), dal Cip Campania (Comitato Italiano Paralimpico) e dalla Nazionale Italiana Cantanti, con il determinante contributo della Vodafone Italia e della Fondazione con il Sud. Pace, sport e cultura: Tuttinsieme. Dalla Terra Santa alla Campania, Sicilia e Sardegna.

Lo sport è un potente motore di crescita, aggregazione e socialità, specialmente per coloro che convivono con disabilità fisiche o intellettive-relazionali. Oggi lo sport paralimpico favorisce l’integrazione sociale, aiuta lo sviluppo fisico e mentale e l’autostima dei giovani. Coinvolti ben 24 istituti di scuola superiore di secondo grado e 8000 studenti. Verranno organizzate squadre integrate composte da 4 alunni: 2 abili e 2 diversamente abili, con il preciso scopo di portare lo sport paralimpico a scuola.

In dotazione ad ogni istituto un lascito di due tavoli di calcio balilla, uno di tipo classico e un modello “Special”, appositamente realizzato per permettere di giocare anche chi non deambula ed è costretto su una sedia a rotelle di poter praticare questa disciplina.

A presentare il torneo Francesco Bonanno, presidente Fpicb (“Abbiamo la missione di fare sport paralimpico inclusivo. Il messaggio dello sport si rivolge a chiunque: è un diritto di tutti”), Roberto Falchero, coordinatore del progetto e vicepresidente Fpicb, Letizia Nassuato, regional communication manager di Vodafone Italia; Carmine Mellone, presidente Cip Campania; padre Ibrahim Faltas, Custodia di Terra Santa, che ha rimarcato la “validità del progetto per educare alla pace e avvicinare israeliani e palestinesi”, e Raimondo Bottiglieri per l’Ufficio Scolastico Regionale.

La finale sarà una vera e propria festa dello sport paralimpico. Tuttinsieme, appunto.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *