napoli apre© SSC Napoli

De Laurentiis chiuderà il calciomercato 2019-2020 con un saldo negativo di -139,8 milioni

Aurelio De Laurentiis chiuderà il mercato 2019-2020 (tra sessione estiva e invernale) con un saldo negativo di 139,8 milioni di euro. Una cifra riportata dall’edizione odierna de Il Mattino che evidenzia come il patron del Napoli spende e spande, a dispetto del classico slogan dei tifosi “Caccia i soldi!”. In Italia nessuno da luglio a oggi ha speso come De Laurentiis. E in Europa solo Real Madrid (-207,5 milioni di euro) e Aston Villa (-155,1 milioni) hanno speso più degli azzurri per ingaggiare calciatori. L’Inter, che pure colleziona ingaggi, ha un saldo negativo di -108 milioni tra acquisti e cessioni. Insomma, è la prova che per vincere non bisogna spendere e basta.

Il Mattino riporta anche le cifre di Transfermarkt su chi abbia speso di più sul mercato dal 2009 ad oggi. Ebbebe, il Napoli occupa il posto numero 13, con un -291,85 milioni di euro dal 2009 a oggi. Inutile dire chi comanda la classifica dei più spendaccioni: sono il Manchester City (-1.185,30), il Psg (-856), il Manchester United (-755,30), il Barcellona (-650) e il Real Madrid (-597,30). Più che di ricavi che vengono investiti, per queste società, si dovrebbe parlare di finanziamenti dei soci. Ma sono pur sempre quattrini, veri, verissimi. In Italia, per intenderci, solo Juve (-501 milioni), Milan (-378) e Inter (-318) hanno dei saldi negativi superiori a quello di De Laurentiis. Ma anche in questo caso parliamo di realtà societarie differenti, rispetto a un club come il Napoli che dell’autofinanziamento e del rispetto del fair play finanziario ha sempre fatto il proprio faro.

Ma di sicuro il Napoli ha investito sul mercato, eccome se lo ha fatto. Solo la stagione passata, la prima di Ancelotti, ha chiuso con un profitto: 31,80 milioni. Ma questo perché era riuscito al ds Giuntoli il magistrale colpo di cedere Jorginho al Chelsea per 57 milioni di euro e poi Hamsik a febbraio in Cina per 20 milioni. Ma si tratta di una situazione anomala perché da 11 stagioni a questa parte il Napoli spende sul mercato più di quello che incassa dalla cessione dei calciatori. Per esempio, anche dell’anno della vendita monstre di Higuain alla Juventus per 90 milioni di euro (quelli della clausola rescissoria) il saldo positivo arrivò solo per la cessione di Gabbiadini per 17,4 milioni di euro alla Sampdoria. Altrimenti, tutta la cifra intascata era stata per intero reinvestita per ingaggiare Milik (32 milioni di euro), Pavoletti (18), Zielinski (15,6), Diawara (14,5). Non è poco.

Dal 2009 sono stati ben 401 i calciatori ingaggiati da De Laurentiis e sono stati 379 le operazioni in uscita.

Fonte: Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *