01122019-llorente-zielinski-koulibaly-manolas-dilorenzo-elmas-squadra-www.ilmionapoli.itPhoto by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Napoli, crisi nera di risultati. Ben 12 punti in meno rispetto all’anno scorso

Gli azzurri stanno vivendo forse il momento più complicato delle ultime stagioni in serie A

Il Napoli non riesce più a vincere, l’ultimo successo in campionato risale al 19 ottobre nella gara contro il Verona. Da allora in poi 4 pareggi e 2 sconfitte in gare assolutamente alla portata degli azzurri; i due pari con Spal e Genoa e la clamorosa sconfitta di domenica contro il Bologna tra le mura amiche. Sogno scudetto accantonato ormai da tempo con Juventus ed Inter che viaggiano a velocità doppia se non tripla, ma anche l’obiettivo quarto posto rischia di sfumare. Al momento Lazio e Cagliari sono distanti 10 e 8 lunghezze, senza considerare nella lotta anche le più quotate Roma ed Atalanta che a livello di organico potrebbero spuntarla alla lunga.

Fa riflettere molto il dato ampiamente negativo dei 12 punti in meno rispetto alla passata stagione. Davvero un abisso considerando che si è soltanto al la quattordicesima giornata di campionato; praticamente un punto a giornata che manca agli azzurri. Eppure doveva essere la stagione della conferma, dopo un anno di conoscenza con Ancelotti si pensava che le cose potessero soltanto migliorare. Invece si è giunti a dicembre con le problematiche interne ormai fin troppo note e una squadra che sul campo non riesce a reagire. L’unica nota positiva di questa stagione è l’andamento in Champions del Napoli, al quale basta un pari interno con il Genk per accedere agli ottavi. Ma guardando al livello delle due dirette concorrenti nel girone, Salisburgo e Genk, sicuramente non si può parlare di un’impresa compiuta dai partenopei.

Le voci sul possibile addio di Ancelotti incrementano le difficoltà dei giocatori a rendere al massimo delle loro potenzialità. Il nuovo ritiro ordinato dalla società, anche questo con velata ma non troppo finalità punitiva, rischia di avere conseguenze maggiormente deleterie per un gruppo con l’umore già in ebollizione. C’è soltanto da attendere gli sviluppi delle prossime negative, ma in casa Napoli non si respira affatto un’aria positiva.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *