il-mio-napoli-champions-league-carlo-ancelotti-napoli-salisburgo3Photo by Marco Bergamasco © Il Mio Napoli

Ancelotti: “Non stiamo facendo bene, ma Liverpool può essere la svolta. In 30 anni mai pensato alle dimissioni”

Carlo Ancelotti rompe il silenzio stampa e torna a parlare. Lo fa in occasione della conferenza stampa di vigilia di Champions, vigilia di Liverpool-Napoli. Queste le sue parole sul difficile momento che stanno vivendo gli azzurri, dall’ammutinamento ai pareggi deludenti contro Genoa e Milan: “Lo stato d’animo dell’allenatore e della squadra è legato alla consapevolezza che non stiamo facendo bene e che possiamo fare molto di più. Ora ci prepariamo ad una partita importante che richiede il massimo della concentrazione per arrivare ad un primo obiettivo stagionale. L’anno scorso siamo arrivati qui con una sola possibilità di passare il turno, mentre ora abbiamo una doppia possibilità, può passare il turno o domani sera o all’ultima partita. Tutti sappiamo che possiamo fare di meglio e speriamo di poter risolvere in fretta i nostri problemi”.

In Champions il Napoli è ancora imbattuto mentre in campionato è settimo: “In Champions League siamo riusciti ad esprimere il nostro potenziale, mentre in campionato siamo stati più altalenanti. Dobbiamo fare meglio, sicuramente, stiamo peccando di continuità, i troppi pareggi ci stanno condizionando. Siamo tutti dispiaciuti ma anche motivati e carichi per cambiare le cose il più in fretta possibile”.

Sono tutti disponibili quelli che sono stati convocati? “I giocatori che sono venuti qui sono tutti disponibili, quelli che sono rimasti a casa non erano disponibili per questo match. Per tagliare tutte le illazioni su questa esclusione, Insigne non poteva giocare per problemi al gomito. E’ uscito a Milano per infortunio e non poteva recuperare ma sarebbe venuto volentieri qui a darci una mano, da capitano. Da valutare soltanto Fabiàn e Mario Rui, ma tutti quelli che sono qui possono giocare”.

Questo è uno dei momenti più difficili della sua carriera da allenatore: “Momenti difficili nella carriera di un allenatore ce ne sono sempre. Da questi momenti se ne esce con la volontà di tutti a migliorare, risolvere i problemi e fare bene. C’è unità di intenti tra squadra, allenatore e società. Così facendo si riesce ad uscire da questa situazione, questo è fuori discussione”.

C’è il rischio di un Napoli preoccupato e timoroso? “Non siamo né preoccupati né timorosi perchè è una partita troppo bella, in un contesto troppo eccitante, che può dare la svolta a questa stagione che non c’è tempo per essere né preoccupati né timorosi”.

Klopp ha detto che Ancelotti non ha bisogno di suoi consigli: “E’ uno dei pochi dal quale posso accettare consigli. Lui è uno che ci conosce bene e sa che non sarà facile. L’unica mia preoccupazione è che Klopp sa che gli possiamo creare problemi. Sarà una gara stimolante, perchè non capita tutti i giorni di venire a giocare ad Anfield”.

Cosa è mancato in questo periodo al suo Napoli? “Ci è mancata un pò di qualità nella fase di possesso. E’ stata una costruzione da dietro lenta ed imprecisa. Ci deve essere più lucidità, più varietà e maggiore velocità”.

Ha mai pensato alle dimissioni? “Alle dimissioni si può pensare quando ci sono degli aspetti importanti da valutare, come la fiducia delle persone in cui lavori. In questo caso la fiducia della società e dei calciatori, ma in 30 anni non ho mai pensato alle dimissioni perchè non si è mai verificato nessuna delle due cose. Proprio per questo dico che è una situazione momentanea che si risolverà perchè c’è unità di intenti. I problemi ci sono in tutti i gruppi, ma l’unità di intenti fa presupporre che i problemi si risolveranno”.

C’è il rischio di giocare col freno a mano tirato psicologicamente parlando? “L’ambiente interno è sereno e concentrato per la partita, tutti pronti per una gara in cui dovremo lasciare a casa preoccupazioni e timori ma mettere in campo grande carica e determinazione. E’ una partita interessante anche perchè non c’è il freno psicologico perchè non siamo all’ultima spiaggia. Può darci quel pizzico di serenità e spensieratezza per rendere al meglio”.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *