maglia rosa

Giro d’Italia, 5° tappa vinta da Ackermann: Dumoulin si ritira. Roglic ancora maglia rosa

Pascal Ackermann vince la quinta tappa del Giro d’Italia 2019, 140 km da Frascati a Terracina. Il tedesco in maglia ciclamino prende la ruota di Fernando Gaviria e batte il colombiano sul traguardo. Terzo Arnaud Démare. La notizia più grande è il ritiro di Tom Dumoulin poco prima del via ufficiale della tappa. Troppo il dolore al ginocchio sinistro dopo la caduta della quarta frazione. Un avversario in meno per Primoz Roglic, che resta in maglia rosa.

Ha il volto della fatica ma il sorriso della felicità, Pascal Ackermann. La quinta tappa, da Frascati a Terracina, doveva essere una delle frazioni più facili della competizione. E invece si è trasformata in una giornata quasi da tregenda, per uomini dalla tempra nordica. Così la maglia ciclamino della Bora-Hansgrohe, sotto una pioggia battente, riesce a stare a ruota di Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) nella volata conclusiva, per poi superare il colombiano e batterlo al fotofinish. Terzo il francese Arnaud Démare (Groupama-FDJ). Non ha partecipato alla volata Elia Viviani, infreddolito e arrivato senza forze al traguardo. Le condizioni atmosferiche, che hanno accompagnato i corridori per tutta la tappa, hanno convinto gli organizzatori del Giro a congelare i tempi per la classifica generale ai -9 km dall’arrivo, lasciando inalterati solo il risultato di tappa e i relativi abbuoni.

Già alla partenza, il meteo non prometteva niente di buono. Con una temperatura che ha toccato anche i 10 gradi e con una pioggia che in lunghi tratti della corsa si è trasformata in diluvio, c’era chi pensava a coprirsi per arrivare nelle migliori condizioni a Terracina, e c’era chi non sa nemmeno quanti chilometri avrebbe percorso, come nel caso di Tom Dumoulin, caduto nella quarta tappa. L’olandese, tra i favoriti per arrivare in rosa a Verona, si è arreso al dolore al ginocchio sinistro e ha detto addio al Giro poco prima del via ufficiale della quinta tappa, dato dal presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte. Il forfait di Dumoulin si aggiunge a quelli di Alejandro Valverde ed Egan Bernal, arrivati prima dell’inizio della corsa. Non è partito nemmeno Kristijan Koren, gregario di Vincenzo Nibali alla Bahrain-Merida, coinvolto nell’inchiesta Aderlass e dunque sospeso per una potenziale violazione della normativa antidoping.

CLASSIFICA DI TAPPA
1 Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe), 3:27:05
2 Fernando Gaviria (UAE Team Emirates), s.t.
3 Arnaud Démare (Groupama-FDJ), s.t.
4 Caleb Ewan (Lotto Soudal), s.t.
5 Matteo Moschetti (Trek-Segafredo), s.t.
6 Ryan Gibbons (Team Dimension Data), s.t.
7 Paolo Simion (Bardiani-CSF), s.t.
8 Jenthe Biermans (Team Katusha-Alpecin), s.t.
9 Giovanni Lonardi (Nippo Vini Fantini Faizanè), s.t.
10 Manuel Belletti (Androni Giocattoli-Sidermec), s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma), 16h 19’20”
2 Simon Yates (Mitchelton-Scott), + 35″
3 Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), + 39″
4 Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team), +44″
5 Diego Ulissi (UAE Team Emirates), +44″
6 Rafal Majka (Bora-Hansgrohe), +49″
7 Bauke Mollema (Trek-Segafredo), +55″
8 Damiano Caruso (Bahrain-Merida), +56″
9 Bob Jungels (Deceuninck-Quick Step), +1’02”
10 Davide Formolo (Bora-Hansgrohe), +1’06”

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *