ASSBORRIELLO

Ass. Borriello: “Diversi colori per non stancare gli occhi, il San Paolo è stato migliorato”

Ciro Borriello, assessore allo sport del Comune di Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli

“Vi dico le percentuali dei colori: chi ha fatto il disegno delle diverse colorazioni è uno che fa questo nella vita, l’effetto finale sarà bellissimo. L’anello inferiore avrà un 40% in tinta azzurra, 15% tra bianco, grigio e giallo. All’anello superiore si inverte: 60% azzurro e 40% altre tonalità. Avere qualche piccolo sediolino giallo aiuta a non stancare gli occhi. Al San Paolo con 45 gradi in estate avrebbe reso molto meno un’unica colorazione.

Uno stadio completamento azzurro? Si conoscono bene le polemiche che ci sono state, dai render che ho visto posso assicurare che l’effetto è veramente quasi tutto azzurro. La Mondo ha fatto uno studio a riguardo, sono dei professionisti. I maxi schermi sono apparentemente due: se non li mettono mi incateno al San Paolo (ride, ndr). Si installano in poco tempo, ho parlato con l’Ingegnere e mi ha detto che sono solo di poche ore in ritardo sulla tabella di marcia. Credo inizieranno ad accelerare dopo l’Inter. Dalla settimana prossima lavoreranno 200 persone allo stadio”.

“Ci vorrebbero altri soldi per fare altro: oggi diventa di classe B, prima era di classe C”

“Ci sono prove giornaliere dell’impianto luce e audio: sta girando anche un video sull’impianto di illuminazione. Juventus Stadium? Non lo nominiamo proprio. Il nostro impianto è ancora più all’avanguardia dello Stadium. Le sedute sono di ultimissima generazione e sono veramente ottime. Dove verranno installati i maxischermi? In Tribuna Nisida e Distinti. Saranno oltre 100mq di maxi schermi, sta roba serve in primis alle Universiadi.

Non ho sentito De Laurentiis, non c’è dialogo tra noi. Siamo ancora nella fase di approvazione della convenzione, la pista d’atletica, per quello che costa, non si smonta in poco tempo. La società presenti dei progetti fatti bene e non cose raffazzonate. Noi non abbiamo detto assolutamente di no. Al netto delle polemiche noi non dobbiamo perdere di vista l’obiettivo comune: ci diamo dei pizzichi sulla pancia ed andiamo avanti. La gente dovrà ricordarsi dell’evento e non delle polemiche”.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *