arsenal-squadra© Official Twitter Arsenal FC

Arsenal, Miles: “Avremmo voluto evitare il Napoli, peccato giocare il ritorno in trasferta”

Il segretario generale dei Gunners, David Miles, ha parlato a TMW. “Penso che molti nostri tifosi avrebbero voluto evitare il Napoli. È una delle squadre più forti, credo che sia tra le favorite. Però siamo dove siamo, il sorteggio ci ha regalato due grandi partite. Abbiamo giocato contro il Napoli in Champions nella stagione 2013/2014: abbiamo vinto noi in casa e abbiamo perso al San Paolo, è una sfida equilibrata. Giocheremo il ritorno in un’atmosfera fantastica, non vedo l’ora”.

Pensa che sarà un problema giocare in trasferta il ritorno? “Dipende dalle scelte. Molti preferiscono giocare il ritorno in casa perché sanno cosa devono fare. È un peccato, anche i nostri tifosi avrebbero voluto giocare il ritorno in casa, però va così”.

Il Napoli potrà concentrarsi solo l’Europa League, voi dovrete lottare per arrivare quarti. “È vero, dovremo lottare. I primi due posti sono già assegnati, poi ci sono quattro squadre per un paio di poste. Due o tre settimane fa eravamo lontani, ora speriamo di poterci qualificare alla prossima Champions attraverso il campionato. E magari anche attraverso l’Europa League. Penso che Unai Emery terrà in considerazione entrambe le competizioni”.

A proposito di Emery, rimarrà a lungo? “Magari non 22 anni come Arsene. Però sta facendo bene, speriamo di fare ancora meglio con lui”

A proposito di futuro, a fine stagione va via Ramsey. “È un peccato, è arrivato da noi a 17 anni ed è un ottimo giocatore. Però sono cose che capitano e sono convinto che darà il 100% per l’Arsenal fino alla fine. I tifosi lo amano, gli posso fare gli auguri per il futuro, la Juve ci ha guadagnato”.

Cosa rispetta di più del Napoli? “Sono forti in ogni settore, sono una delle squadre italiane più forti. Noi trattiamo ogni avversario con rispetto, manderemo osservatori a ogni loro partita ora. Emery avrà fatto i suoi compiti al momento della gara”.

Sogna il derby di Londra in finale? “Magari, vedremo”.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *