Rose (Salisburgo): “Auguro al Napoli e ad Ancelotti di vincere l’Europa League”

Marco Rose, allenatore del Salisburgo, ha parlato in conferenza stampa nel post-partita della gara di ritorno contro il Napoli vinta inutilmente 3-1: “Purtroppo siamo stati eliminati nonostante una prestazione migliore rispetto a quella dell’andata. Devo dire che oggi siamo stati superiori rispetto al Napoli. Però contro una squadra forte come quella azzurra non bisogna commettere errori altrimenti subisci subito gol come è successo stasera. Devo dire che da questo doppio confronto ci portiamo dentro tante cose positive”.

I media austriaci chiedono dell’esperto Leitgeb, andato a segno nel recupero: “Io sono molto contento per lui e per la sua prestazione. Lui sa che ci sono tanti giovani da far crescere ed a cui dare spazio, ma lui c’è, si allena sempre a buoni livelli, scherza con i più giovani e sono contento per la sua prestazione”.

Un commento sulla prestazione del giovane Szoboszlai, classe 2000, autore dell’assist per l’1-1: “Io ho solo il merito di averlo messo in campo, poi ha fatto tutto lui. Come avevo preannunciato ieri, avremmo dato la possibilità di giocare a diversi giovani. Abbiamo fiducia in lui e ci ha fatto vedere cosa è in grado di fare. Di giovani come lui ce ne sono tanti e tutti sanno che per giocare devono lavorare al meglio”.

Più soddisfatti per la prestazione o delusi per il risultato? “Siamo soddisfatti ma anche un pò delusi, perchè siamo usciti dalla competizione. Avremmo voluto arrivare fino alle semifinali, come l’anno scorso. Però sono contento per la prestazione positiva davanti al nostro pubblico ed è stato bello vedere 27mila spettatori salutare e applaudire i ragazzi. E’ stata una bella serata”.

Sul Napoli dice: “Il Napoli è di sicuro tra le squadre favorite per la vittoria di questa competizione. Fa gol in casa e poi fa gol anche fuori, ciò vuol dire che hanno grande qualità in squadra. Per me loro possono farcela ad arrivare fino in fondo”.

Un vero peccato essere usciti nonostante la vittoria odierna: “Certo che siamo delusi, sapevamo che sarebbe stato difficile ribaltarla. Ma ora non dobbiamo piangerci addosso, ma prendere coraggio da questa prestazione per fare bene nelle prossime partite. Continueremo ad insistere su questo sistema di gioco. Sono molto orgoglioso della prestazione dei miei ragazzi”.

C’è il rischio di demotivarsi? L’eliminazione può indirizzare il suo futuro? “Il nostro principale obiettivo è qualificarci per la Champions l’anno prossimo. Siamo concentrati solo su questo, poi al resto si vedrà”.

Il gol di Milik ha demotivato i suoi? “Avremmo voluto segnare per primi, ma poi quando ha segnato Milik la prima cosa che mi è venuta in mente è “merda!”. Abbiamo provato a continuare a giocare, la motivazione dei ragazzi era rimasta intatta anche dopo il gol del Napoli. Auguro al Napoli di vincere questa competizione, mi piacerebbe vedere Ancelotti alzare al cielo questa coppa”.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *