Sarri perde la Coppa di Lega ai rigori dopo aver litigato con Kepa: sbaglia Jorginho, trionfa il City

Maurizio Sarri resta senza titoli nel proprio palmarés: l’ex allenatore del Napoli aveva accarezzato l’idea di poter portare a casa quantomeno la Coppa di Lega nella sua prima stagione al Chelsea. Invece, nella finale di Wembley, l’eterna sfida contro il Manchester City si trascina fino ai calci di rigore con  Maurizio Sarri che però vuole cambiare portiere proprio in previsione dei rigori: fuori Kepa, dentro Caballero. Peccato che lo spagnolo classe ’94 ha rifiutato il campo con ampi gesti e ‘no’ con le mani in direzione della panchina e del manager.

La reazione di Sarri a questo rifiuto lascia spazio a poche interpretazioni: rabbia e incredulità insieme. Si sbottona la felpa, urla contro Zola che allarga le braccia e poi se ne va prendendo la via degli spogliatoi (per poi ritornare in campo).

Nella lotteria dei rigori il primo lo ha sbagliato Jorginho per il Chelsea, poi decisivo anche il palo colpito da David Luiz. Kepa para soltanto quello di Sanè, non riesce a bloccare quello calciato male da Aguero ma alla fine non può nulla sul quinto e ultimo penalty di Sterling. Per il City è la sesta Coppa di Lega della propria storia.

Questo il rigore sbagliato da Jorginho:

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *