insigne1-gol-esultanza-champions-www.ilmionapoli.it© Cityspot

Napoli-PSG 1-1: Insigne porta a casa un pari d’oro. Azzurri primi col Liverpool ma è bagarre

Napoli-PSG 1-1: un pari d’oro per gli azzurri maturato davanti ai 53mila del San Paolo, mai così pieno quest’anno. Dopo quattro partite della fase a gironi il Napoli di Ancelotti resta imbattuto e grazie al successo della Stella Rossa torna al comando del gruppo C insieme al Liverpool. Altra prestazione positiva contro i campioni del PSG che si erano portati in vantaggio allo scadere del primo tempo con Bernat. Nella ripresa il forcing del Napoli che ha portato al rigore del pareggio trasformato da Insigne, al terzo gol consecutivo in Coppa Campioni.

RITMI ALTI – Ancelotti conferma la formazione che ha pareggiato al Parco dei Principi con Maksimovic a destra, Fabiàn Ruiz sulla corsia sinistra e il tandem d’attacco composto da Insigne e Mertens. Nel PSG Cavani parte dalla panchina con Tuchel che lancia Draxler dal 1′ al posto di Rabiot. Gara giocata su ritmi elevati ma in sostanziale equilibrio, con il Napoli molto meglio nel fraseggio rispetto ai francesi. Al 22′ primo vero brivido del match con Mbappè che di sinistro sfiora l’incrocio dei pali. Il Napoli replica sul fronte opposto con una punizione bassa di Mario Rui su cui s’avventa Mertens che sul primo palo non impatta bene mandando il pallone fuori.

 

PARIS AVANTI – Qualche errore di troppo negli appoggi in mezzo al campo e tante buone chiusure difensive per gli uomini di Ancelotti che però, dopo la girata di Insigne deviata da Thiago Silva in calcio d’angolo, si fanno beffare nel recupero del primo tempo. Grande azione di Mbappè sulla sinistra, dal fondo palla a Bernat che s’incunea in area di rigore e batte Ospina. Inutili le proteste del Napoli, comprese quelle di Ancelotti e del team manager De Matteis, per il gol arrivato oltre il minuto di recupero dato dall’arbitro olandese Kuipers (pochi secondi). Ne nasce una rissa prima di rientrare negli spogliatoi che coinvolge Fabiàn e Verratti: cartellino giallo per il centrocampista azzurro.

ASSEDIO AZZURRO – In apertura di ripresa Mario Rui ha rischiato un calcio di rigore per un fallo di mani sul cross di Meunier che l’arbitro, per sua fortuna, ha giudicato attaccato al corpo e troppo ravvicinato. Ma il primo quarto d’ora del secondo tempo è di marca napoletana, con almeno cinque palle-gol importanti per il pareggio. Innanzitutto il colpo di testa di Maksimovic su calcio d’angolo che termina a lato, poi lo show di Buffon che devia in corner due conclusioni velenose di Mertens, la seconda con uno strepitoso colpo di reni. Ci prova anche Callejon con il suo diagonale deviato in angolo da Kehrer. Quello del Napoli è un vero e proprio assedio: al 55′ Insigne scodella per Callejon sul secondo palo, ne nasce una mischia in cui va al tiro Mertens che spara alto. Dopo aver sventato un contropiede con i temibili Neymar e Mbappè, il Napoli va al tiro anche con Fabiàn ma Buffon respinge ancora.

INSIGNE SALVI TUTTI – Al 60′ arriva il giusto coronamento di un forcing sfrenato da parte degli azzurri, un calcio di rigore decretato senza dubbi dall’arbitro per il sandwich rimediato da Callejon, schiacciato da Buffon e Marquinhos tra i quali si era infilato dopo uno sciagurato retropassaggio. Dagli undici metri va Insigne che non sbaglia: è il terzo gol consecutivo in Champions per Lorenzino. Dopo il pari la squadra di Ancelotti rallenta riuscendo comunque a controllare le sfuriate del Paris che al 70′ reclama un rigore per fallo di Allan su Bernat su cui l’arbitro lascia correre. Nell’ultimo quarto d’ora Tuchel manda in campo anche Cavani che torna così a calcare il prato verde del San Paolo tra gli applausi dei suoi ex-tifosi, i quali si rammaricano per l’infortunio alla spalla che ha messo ko Mertens all’83’. Al suo posto Ancelotti manda in campo Ounas e non Milik. Nel finale un diagonale di Mbappè spaventa il San Paolo che accoglie, stavolta col sorriso, il secondo pari consecutivo con i Campioni di Francia.

Questo il TABELLINO di Napoli-Paris Saint-Germain:

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Maksimovic (76′ Hysaj), Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Hamsik, Allan, Fabiàn Ruiz (70′ Zielinski); Insigne, Mertens (83′ Ounas)
A disp: Karnezis, Malcuit, Diawara, Milk  All. Ancelotti

PARIS SAINT-GERMAIN (3-4-3): Buffon; Marquinhos, Thiago Silva, Kehrer (90′ Choupo-Moting); Meunier (73′ Kimpembe), Verratti, Draxler, Bernat; Neymar, Mbappè, Di Maria (76′ Cavani)
A disp: Areola, Rabiot, Diaby, Nsoki  All. Tuchel

Arbitro: Kuipers (Olanda)
Rete: 47′ pt Bernat (P), 62′ rig. Insigne (N)
Ammoniti: Mbappè, Kehrer, Verratti, Neymar (P), Fabiàn Ruiz (N)
Note: 53mila spettatori di cui 1600 ospiti. Angoli: 8-4. Recupero: 1′ pt, 4′ st

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *