ancelotti-il-mio-napoli© SSC NAPOLI

Carlo Ancelotti risponde ai tifosi a Dimaro: “Credo in questa squadra. Hamsik regista? Assolutamente si”

Carlo Ancelotti al teatro di Folgarida, frazione del comune di Dimaro-Folgarida, sede del ritiro del Napoli, ha avuto un primo contatto diretto con i tifosi azzurri.

Carlo Ancelotti risponde ai tifosi

Il nuovo allenatore dei partenopei ha risposto alle domande dei curiosi: “Quanto tempo per essere apprezzato? So quali sono le aspettative, so che società è il Napoli e conosco il valore dei calciatori e ho accettato volentieri questa sfida. Sono convinto che sarà una bella esperienza anche perché mi rendo conto che sto allenando dei calciatori con altissime conoscenze calcistiche. La gara persa dagli azzurri a Firenze? Non ero lì lo scorso anno però so che a livello psicologico Inter – Juventus ha inciso molto. Lorenzo vi dirà meglio di me, ma per esperienza posso dirvi che capita di perdere finali di Champions League quando sei avanti 3-0. Il calcio è bello perché imprevedibile. Calci piazzati? Si sto provando la novità della difesa mista. Alcuni marcheranno a uomo, altri a zona. Credo possa essere una buona soluzione.

Il mi arrivo a Napoli? E’ stato molto veloce. Quando Chiavelli e il presidente sono venuti da me io ho accettato: è stato tutto molto veloce. La rosa è competitiva. Non lo dico io. Lo dicono i risultati dell’anno scorso e i 91 punti raggiunti: forse si poteva fare meglio in Europa. Io aziendalista? E’ vero: so quali sono le possibilità della società. La strategia di mercato è stata fatta di comune accordo: io lavoro per il Napoli e devo essere aziendalista perché per lavorare al meglio devo avere il supporto di tutti. Parlare di altri calciatori adesso vorrebbe dire che questi che ho non mi piacciono. Non l’ho mai fatto: il gruppo è sano e composto da calciatori bravi.

Carlo Ancelotti chiarisce la scelta di Hamsik regista e della qualità del centrocampo

Cosa preferisco a centrocampo? Più quantità o qualità? A centrocampo si può variare: Hamsik o Zielinski, Ruiz sono calciatori di qualità. Poi c’è Diawara, Rog, Allan e quindi c’è una buona varietà ed è molto completo. Gente dinamica, che hanno gamba: posso alternare molto senza intaccare la competitività.

Hamsik regista? Penso proprio di si. E’ un ruolo che richiede qualità, esperienza e conoscenza del gioco. E sono convinto che lo slovacco possa farlo anche perché ci sarà un dispendio energetico minore. Poi abbiamo Diawara invidiato da tutte le altre squadre: se il binomio è ben utilizzato potrà portare benefici. E’ una squadra che mi piace e che conosce molte cose quindi non devo spiegare nemmeno molto durante gli allenamenti. Non voglio fare rivoluzioni. Ci saranno tante partite da giocare quindi è indispensabile utilizzare quanti più calciatori possibili. In generale un allenatore ha i suoi 11 nella mente ma bisogna motivare gli altri e tutti devono sentirsi coinvolti nel progetto perché questo fa crescere il livello qualitativo della squadra. Sono convinto che le rotazioni per una squadra che gioca più competizioni è fondamentale”.

LASCIA UN COMMENTO

You must be logged in to post a comment.