Christian Titz Amburgo

CALCIO ESTERO, Bundesliga: Amburgo in B, Leverkusen fuori dalla Champions

In Champions League vanno Bayern Monaco, Schalke, Hoffenheim e Borussia Dortmund, retrocedono Colonia e Amburgo. Lo Stoccarda può arrivare in Europa League

Il campionato è finito ma i verdetti ancora non ci sono tutti. Ne mancano due, e sono importanti. La Bundesliga 2017-18 è giunta al termine. Si sono giocate tutte e 34 le partite. A vincere, come ampiamente previsto fin dall’inizio della stagione, è stato il Bayern Monaco (al sesto titolo di fila) che emula dunque il cammino tenuto dalla Juventus in Italia (7 scudetti consecutivi). Di sorprese però ce ne sono state tante.

Carlo Ancelotti, ex allenatore del Bayern Monaco

La prima è arrivata già a fine settembre: con la sconfitta in Champions League contro il PSG, il Bayern Monaco ha infatti deciso di esonerare Carlo Ancelotti, mai allontanato prima in carriera a stagione in corso. La Bundesliga l’ha quindi vinta Heynckes che a 73 anni è diventato l’allenatore più anziano di sempre ad averlo fatto.

Jupp Heynckes, allenatore del Bayern Monaco

Al secondo posto è arrivato lo Schalke 04 che si è qualificato per la prossima Champions League con una giornata d’anticipo. Le altre due squadre che parteciperanno alla massima competizione europea sono l’Hoffenheim e il Borussia Dortmund. Per la differenza reti (+18 a +17) la terza in classifica è la squadra di Nagelsmann, ma, esattamente come in Italia, le prime quattro sono qualificate direttamente alla fase a gironi.

Domenico Tedesco, allenatore dello Schalke 04

Bundesliga, tutti i verdetti della stagione

La corsa alla Champions League però è stata entusiasmante come mai in Bundesliga. Basti pensare che il Leverkusen, classificatosi quinto, ha conquistato gli stessi punti dell’Hoffenheim terzo (55). A tagliare le gambe alle Aspirine è stata la differenza reti (solo +14). A questo punto potrebbe prendere forma l’addio di Leno, estremo difensore da tempo inseguito dal Napoli che potrebbe approfittarne: il tedesco infatti, vorrebbe avere la possibilità di giocare la Champions.

Bernd Leno, portiere del Bayer Leverkusen

Molto dipenderà dalla sua volontà: al Leverkusen, Leno è legato da un contratto fino al 2020. L’altra squadra che si è guadagnata la partecipazione all’Europa League insieme al Leverkusen è il Lipsia. La squadra della Red Bull entrerebbe in gioco direttamente nella fase a gironi nel caso in cui il Bayern Monaco dovesse vincere la Coppa di Germania, altrimenti dovrebbe affrontare i preliminari a fine luglio.

La terza squadra a partecipare all’Europa League dipende sempre dalla finale della coppa nazionale: se vince il Bayern, sarà lo Stoccarda ad affrontare i preliminari di fine luglio (con il Lipsia come detto ai gironi). Se vince l’Eintracht sarà la squadra di Francoforte ad accedere alla fase a gironi (con il Lipsia ai preliminari e lo Stoccarda fuori da tutto).

Ralph Hasenhüttl, allenatore del Lipsia

Molto avvincente anche la lotta per non retrocedere

Il Colonia, che dopo 16 giornate aveva appena 3 punti, è retrocesso come ultimo. Ripartirà però da due bandiere come Hector e Horn (entrambi nel giro della nazionale tedesca) anche dalla seconda divisione. Ha fatto rumore invece la retrocessione dell’Amburgo, la prima nella storia del club in Zweite Bundesliga dopo 54 anni, 262 giorni, 0 ore e 15 minuti. Gli uomini di Titz battono 2-1 il Borussia Monchengladbach, ma tutto è reso vano dalla contemporanea vittoria del Wolfsburg (4-1) sul già retrocesso Colonia. La squadra era l’ultima sempre presente da quando esiste la Bundesliga.

Le due società verranno rimpiazzate da Norimberga e Dusseldorf. Ci sarà infine lo scontro salvezza (su andata e ritorno) fra Wolfsburg e l’Holstein Kiel. Anche in questo caso occhi puntati da parte del Napoli per la questione Younes. Infatti tra il giocatore dell’Ajax e club della Volksawagen c’è un accordo per la prossima stagione. In caso di retrocessione sarà importante capire se Younes preferirà o meno il Napoli alla serie B tedesca.

Amin Younes, attaccante dell’Ajax

Classifica finale: Bayern Monaco 84; Schalke 04 63; Hoffenheim, Borussia Dortmund e Bayer Leverkusen 55; RB Lipsia 53; Stoccarda 51; Eintracht Francoforte 49; Borussia Monchengladbach 47; Hertha Berlino 43; Werder Brema 42; Augsburg 41; Hannover 39; Mainz e Friburgo 36; Wolfsburg 33; Amburgo 31; Colonia 22

Campione: BAYERN

In Champions League: BAYERN, SCHALKE, HOFFENHEIM e BORUSSIA DORTMUND

In Europa League: BAYER LEVERKUSEN, STOCCARDA e una tra EINTRACHT FRANCOFORTE (in caso di vittoria della DFB Pokal) e STOCCARDA

Al playout: WOLFSBURG (contro l’HOLSTEIN KIEL)

Retrocesse: AMBURGO, COLONIA

 

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *