Ad imageAd image

Allegri: “Juve-Napoli decisiva solo per gli azzurri. Loro senza pressioni? Allora meritiamo noi”

admin
admin
6 Min di lettura

Massimiliano Allegri interviene in conferenza stampa alla vigilia della sfida Scudetto tra Juventus e Napoli: “Domani inizia un mini-campionato di cinque partite ed avendo 4 punti di vantaggio la gara di domani non risulterà decisiva. Sarà sicuramente una partita bella e importante per il campionato italiano, ma non sarà decisiva, perchè ci sono altri punti in palio. Stiamo facendo un campionato importante: abbiamo 85 punti e mancano ancora 5 partite. Dall’altra parte c’è un Napoli che ha 81 punti e potrebbe concludere a 96. Sappiamo di affrontare una squadra che ha impostato tutta la stagione sulla vittoria del campionato, per cui per loro sarà una gara molto decisiva, non per noi che abbiamo quattro punti di vantaggio”.

Allegri si tiene ancora qualche dubbio di formazione: “La formazione non l’ho ancora decisa perchè ci sono ancora due allenamenti. Dybala sta bene, sta bene anche Pjanic così come devo dire che stanno tutti in bene. Abbiamo recuperato tutti gli infortunati. Deciderò domani mattina chi gioca. Sicuramente ho 2-3 dubbi e considerando la difficoltà della partita saranno importanti anche i cambi dalla panchina. Magari ora ho delle idee, mentre domani potrei avere altre idee. Difesa? Due della difesa giocano, gli altri due non so. Aspetto di sapere come sta Barzagli, però davvero stanno tutti bene e tutti recuperati, tranne De Sciglio e Sturaro. Pjanic è recuperato”.

Allegri su Higuain: “Lui ha questi alti e bassi ma è in ottima condizione e credo che domani sarà decisivo. Gli ho detto che se il Napoli vince lo Scudetto hanno già preparato mezza statuina tua da mettere nel presepe”

Il tecnico livornese ancora sulla sfida Scudetto: “Siamo pronti per affrontare questa bellissima serata di sport. Alla fine il 20 maggio vincerà il migliore, se saremo noi avremmo vinto lo Scudetto, altrimenti vuol dire che finiremo secondi e gli faremo i complimenti. Sarri dice che il Napoli non ha pressioni? Allora è giusto che vinca la Juventus, visto che non hanno mai pressione loro, non ce l’hanno in Coppa Italia, in Champions ed in Europa League. Se firmo per il pareggio? No, la firma l’ho già messa una volta. Vero è che nel calcio non si può vincere sempre, a Crotone avremmo dovuto difendere lo 0-1 ma purtroppo quest’anno con le rovesciate siamo un pò sfortunati. Speriamo di riscattarci domani”.

Allegri parla del Napoli di Sarri: “Per noi è un finale di stagione bellissimo e bisogna affrontarlo con tutta la serenità di questo mondo. Affrontiamo un Napoli che ha fatto 81 punti e che viene da stagioni esaltanti sul piano del gioco e dei risultati. Sarri ha fatto un lavoro straordinario, ha modificato soprattutto una cosa rispetto alla squadra che ha costruito Benìtez: ha spostato Hamsik dalla posizione sulla trequarti alla posizione di mezzala. Ha creato una squadra bella da vedere, ha saputo ovviare all’assenza di Milik giocando con i piccoletti, ha raggiunto dei risultati importanti e lui è molto migliorato rispetto a quando allenava in C. Certo, poi il Napoli ha un certo vantaggio, ovvero quello di giocare sempre con gli stessi: da 5 anni a questa parte avranno cambiato soltanto un calciatore. Poi, ripeto, se loro ci arriveranno davanti il 20 maggio gli faremo i complimenti”.

Il Napoli segna molto sui calci d’angolo: “Loro sfruttano molto bene queste situazioni, ma anche noi dovremmo saperle sfruttare anche perchè abbiamo due buoni calcianti. Dovremo stare attenti, ma al tempo stesso dobbiamo essere bravi noi a sfruttare queste situazioni”.

All’Allianz Stadium previsto il tutto esaurito: “Domani dovrà essere un’altra prova di maturità per tutti, visto che l’Osservatorio ha concesso l’apertura anche ai tifosi del Napoli, come è giusto che sia. Ma questo deve essere soltanto un primo passo affinché tutti i tifosi possano assistere la propria squadra. Penso che domani l’Allianz Stadium ci sarà molto vicino, soprattutto quando il Napoli avrà il possesso palla”.

Allegri non è geloso del “Sarrismo”: “Non sono geloso, mi fa molto piacere perchè credo che dopo tanti anni di gavetta Sarri è arrivato al livello che merita. Come tutti gli allenatori è migliorato anche lui”.

Stagione del Napoli esaltante anche senza titoli? “La stagione del Napoli è straordinaria, così come tutte le ultime stagioni che hanno condotto gli azzurri. E’ diventata una realtà sia a livello italiano che a livello europeo e di questo il calcio italiano ne deve andar fiero”.

Condividi questo articolo