Ad imageAd image

Sarri: “A Torino senza paura: non vorrei perdere di nuovo con l’87% di supremazia territoriale”

admin
admin
2 Min di lettura

Maurizio Sarri in conferenza stampa tra la vittoria per 4-2 sull’Udinese e la prospettiva dello contro diretto contro la Juve di domenica prossima. Si parte dalla vittoria contro i friulani: “Io ho avuto la sensazione che i nostri primi 20′ di questa partita siano stati i migliori di questa stagione. C’è stato solo un black-out di 10′ nel mezzo del primo tempo che ci ha letteralmente imbambolati in fase difensiva. Siamo andati sotto due volte poi per fortuna dalla panchina abbiamo avuto qualche soluzione in più per ribaltare le sorti di questa partita. Mi prendo la soddisfazione dei 12 gol segnati su calcio d’angolo e sono molto contento per Tonelli che ha trovato un altro gol, lui che è abituato a farne 5-6 all’anno”.

A Torino la Juve dovrà cominciare ad avere paura di questo Napoli? “Io ho fame, vorrei andare a cena e poi andare a dormire perchè domani mattina abbiamo allenamento. E’ inutile pensare agli altri, perchè dobbiamo pensare solo a noi stessi e dovremmo essere noi a non avere paura. Non siamo una squadra timorosa ma questa Juve è molto forte. Andremo lì per cercare di proporre il nostro gioco”.

Ma la rimonta Scudetto è possibile? “Nel calcio tutto è possibile, però a me piacerebbe sempre stare davanti. In questo momento vorrei che i miei ragazzi staccassero un pò la spina. Spero che i miei ragazzi siano delle grandissime facce di…. e che giochino senza timore. Non vedo dove sia la preoccupazione, perchè la società ci aveva chiesto un obiettivo che a 6 giornate dalla fine avevamo già ampiamente raggiunto. Ora ci possiamo divertire.

Pensa ad un Milik titolare anche a Torino? Sarri glissa: “Io quando ho fame faccio fatica a pensare, perchè non riesco a concentrarmi. Il mio primo pensiero è andare a mangiare”.

Finale sempre dedicato alla Juve: ecco cosa non piacerebbe che accadesse per il mister toscano. “Vorrei non vedere l’87% di supremazia territoriale ma perdere la partita”.

Condividi questo articolo