Ad imageAd image

Napoli: Sarri, “Mister 33 schemi” inizia a muovere le torri

admin
admin
2 Min di lettura

Per la squadra di Sarri, quest’anno, anche i calci piazzati sono diventati un fattore importante. 14 sono i gol arrivati da calcio da fermo, in condizioni nate dagli sviluppi di corner o punizione e in netto miglioramento rispetto agli anni precedenti. Innegabile che sia l’arma in più di quest’anno nonostante i 180,4 cm di altezza media. La giusta evoluzione del calcio sarriano e di “Mister 33 schemi”.

Ieri sera due azioni che hanno riaperto e poi chiuso il match, con i gol di Albiol (già in rete allo stesso modo col Genoa un mese fa) e Tonelli che sono valsi i tre punti finali

Non solo, perché la vittoria al cardiopalmo con il Chievo era arrivata proprio grazie agli sviluppi di un angolo, con Diawara pronto a farsi trovare al posto giusto nel momento giusto. A questi, vanno poi aggiunti i capolavori da fermo di Mertens e Mario Rui, soluzioni che servono a tirar fuori dal cilindro il coniglio giusto.

La Juventus, però, non sta di certo a guardare. I bianconeri, che si portano dietro 182 cm di altezza media, sono sempre pronti a far valere il fisico in area. 16 i gol arrivati da calcio da fermo, anche ieri sera a Crotone con il gol di Alex Sandro nato dagli sviluppi di un calcio piazzato. Alle situazioni in area, vanno poi aggiunte le punizioni dirette: il pericolo numero uno resta Pjanic, ma anche Dybala quest’anno ha fatto la differenza.

Reina e compagni, dunque, dovranno essere pronti ad evitare ancora la beffa come successo negli anni passati allo Stadium. Provando a far valere per una volta i centimetri giusti e tornare da Torino con un sorriso in più.

Fonte: Il Mattino

Condividi questo articolo