Ad imageAd image

Allegri: “Juve più tranquilla col +6? No, il campionato è ancora lungo”. Nubi sul futuro

admin
admin
2 Min di lettura

Massimiliano Allegri si ritrova a +6 sul Napoli dopo la vittoria per 3-0 sulla Sampdoria. Queste le dichiarazioni dell’allenatore bianconero a fine partita: “I ragazzi sono stati molto bravi. Non era semplice dopo la partita di mercoledì a Madrid. Serviva lucidità contro una squadra che ti fa rischiare molto. A un mese dalla fine della stagione non possiamo pensare di giocare come fino a tre mesi fa, è tutto un altro calcio. Per il cambio e l’ingresso di Douglas Costa dovete ringraziare Pjanic che è uscito per una contrattura. Avevo deciso di iniziare la partita senza Douglas Costa e Higuain perché sapevo che potevano essere due cambi determinanti nel corso della partita. Alla fine Gonzalo si è riposato, ma sarà determinante per lo scudetto”.

Allegri si sente più tranquillo con un +6 in chiave Scudetto: “No, bisogna vincere mercoledì a Crotone e poi prepararsi allo scontro diretto con il Napoli. Il campionato è lungo e noi abbiamo ancora due trasferte con la Roma e con l’Inter. I ragazzi stanno bene, abbiamo chiuso in crescendo e si tratta di un gruppo straordinario. L’obiettivo è il settimo scudetto, qualcosa di irripetibile. Ripartire dopo Madrid non è stato semplice, ci siamo sfogati per due giorni a Vinovo e da ieri ci siamo concentrati sulla Sampdoria. La cosa che hanno capito è che dovevamo stare un pizzico più attenti sul fallo laterale che ha portato all’ultimo episodio. Questi sono dei ragazzi straordinari, anche se oggi quando ci hanno applaudito un po’ mi giravano le scatole perché erano applausi dopo un’eliminazione”.

Allegri sibillino sul suo futuro: “Vorrei allenare questi ragazzi a lungo, le mie dichiarazioni sono state male interpretate. Sono in perfetta sintonia con la dirigenza. Le strade si potranno anche dividere, speriamo il più in là possibile, ma i rapporti rimangono”.
Condividi questo articolo