Ad imageAd image

Allegri: “Archiviamo Madrid, testa al campionato e Coppa Italia. Buffon va capito…”

admin
admin
2 Min di lettura

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza alla vigilia di Juventus-Sampdoria. Queste le sue dichiarazioni, a partire da Buffon: “Il suo sfogo? Non è da condannare e va capito. Altrimenti servirebbe un corso di psicologia. In 20 anni è sempre stato un esempio dentro e fuori dal campo. Per una volta… Il rigore? Piuttosto non capisco i tre minuti di recupero. Troppi perché c’è stata una sola sostituzione. Era il 93′ e in quei momenti è difficile mantenere la lucidità. Non mi ha turbato ne il rigore, ne la posizione di Alex Sandro. Bisogna fare i complimenti ai ragazzi per la partita bellissima. È stata una serata fantastica per lo sport, per gli appassionati sarebbe stato bello giocare altri 30′. Ora dobbiamo pensare alla Sampdoria, al campionato e alla Coppa Italia. Archiviamo Madrid perché non possiamo cambiare il risultato”.

Allegri: “Venerdì la squadra ha fatto un buon allenamento. Ora deciderò la formazione, dobbiamo tirare fuori altre energie mentali per centrare un obiettivo irrepetibile, quello del settimo scudetto”.

Sul portiere titolare nel prossimo match contro la Samp: “Gioca Buffon se non succede nulla nella rifinitura”. Sul futuro: “Non dipende dall’eliminazione di Madrid. Non ho ancora parlato con la società, indipendentemente dal contratto che ho fino al 2020. Devo parlare con il presidente per parlare dell’anno prossimo”. Sulla difesa: “Gioca uno tra Benatia e Rugani. Barzagli è tornato a disposizione, mentre De Sciglio ha un problema”. Sull’attacco: “La decisione per domani è giocare con Higuain e Mandzukic insieme o portarne uno in panchina. Cuadrado torna titolare”.

Allegri sul match dell’andata con la Sampdoria perso 3-2: “In una stagione ci sono partite che fanno riflettere. Quella dell’andata contro la Samp è una di queste. Mi ha fatto pensare che fosse giusto cambiare per dare più equilibrio alla squadra”.
Condividi questo articolo