Ad imageAd image

Lazio-Napoli, parola agli ex azzurri. Savoldi: “Mertens meglio di Immobile”. Renica: “Sarri più avanti”

admin
admin
5 Min di lettura

Quattro grandi ex del Napoli commentano l’andamento dell’inizio di stagione degli azzurri a pochi minuti dalla sfida con la Lazio. Tutti al portale Lalaziosiamonoi.it. Così Beppe Bruscolotti: “Presto per definire gli obiettivi di entrambe, il momento è favorevole ma è ancora presto per comprendere dove arriveranno. Nelle parti alte della classifica il Napoli c’è stato ed è abituato a starci. La Lazio quest’anno è partita bene e sta facendo vedere cose belle, staremo a vedere se sarà continua. Sono due elementi importanti e stanno facendo bene nelle rispettive squadre e sono abituati al gol. Non saprei chi sarà decisivo, ma incideranno molto”.

Questo, invece, il commento di Beppe Savoldi: “La Lazio deve dimostrarlo ancora, stasera c’è questo incontro che potrà stabilire se i biancocelesti sono cresciuti. Fino ad ora ha fatto bene ma ha sempre palesato in alcune partite qualche problemino per questo dico che deve dimostrare di essere cresciuta. Oggi c’è una partita importante contro una squadra di una certa caratura. Il Napoli è quello dell’anno scorso, sta confermando i suoi valori e speriamo che Sarri abbia capito cosa sta sbagliando in fase difensiva. Contro l’Atalanta ha commesso gli stessi errori dello scorso anno e deve metterci una pezza e alla svelta, non può aspettare due anni. Con il tutto il rispetto che ho per Immobile, credo che Mertens abbia qualcosina in più a livello qualitativo. Non si tratta di esperienza, se uno è bravo lo è da subito. Mertens ha qualcosa di più rispetto ad Immobile”.

Così Alessandro Renica: “Il Napoli è più avanti a livello di progetto, come squadra, come gruppo. La Lazio riesce sempre a rinnovarsi ma allo stato attuale i partenopei sono più avanti. Gli Azzurri sono più avanti poiché ci sono giocatori che giocano insieme da più anni, c’è più amalgama. Inoltre c’è anche più qualità, se ci sbagliamo lo vedremo nel corso del campionato. La Lazio ha vinto le ultime gare con molta difficoltà, a differenza del Napoli che ha trionfato nettamente, inoltre gli uomini di Sarri hanno fatto un gran campionato lo scorso anno. Il trascorso dice che il Napoli è più avanti, lo dicono i risultati. Immobile o Mertens? Il napoletano è un attaccante moderno, ma non è molto tecnico. Si tratta di un elemento bravo a fare gol, ma deve trovare continuità. Mertens secondo me è molto più regolare a livello di prestazioni, lo vedo un pochino più avanti rispetto al campano. Parlare però in questi termini di Lazio-Napoli non è facile, non si può dire chi sta meglio. Se andiamo a fare un paragone fra i due lo scorso anno viene premiato Mertens. Il Napoli ha giocato la Champions ed è stato eliminato dal Real Madrid, allo stato attuale sono in vantaggio i partenopei”.

Infine Raffaele Di Fusco: “Ritengo che il Napoli sia un gradino più in alto della Lazio come valutazione di gioco. Sono due squadre che hanno diverse caratteristiche, ma per adesso vedo più avanti il Napoli rispetto alla Lazio. La Lazio ha un gioco diverso rispetto a quello del Napoli, più fisico e meno spettacolare. Il Napoli ha varie possibilità per arrivare a vincere alla partita rispetto alla Lazio. ma in ogni caso stiamo parlando di due squadre che sicuramente andranno a disputare le coppe, quindi parliamo di squadre di grande livello. Poi è ovvio che l’annata verrà determinata da vari fattori, come per esempio gli infortuni. Quindi è ancora presto per dire nel complesso chi è che farà meglio. Il Napoli anche l’anno scorso è arrivato davanti alla Lazio meritatamente e per adesso lo vedo più avvantaggiato per la partita di domani. Ma la Lazio rimane un’ottima squadra che farà bene così come ha fatto nella scorsa stagione. Tra Immobile e Mertens è difficile scegliere chi potrà essere il migliore. Sono entrambi dei protagonisti in questo periodo e ognuno è fondamentale per la propria squadra. Sono due grandi giocatori e non è per niente facile dire chi potrà avere più impatto fino alla fine. Sono comunque due attaccanti da doppia cifra, quindi penso che entrambi andranno oltre i venti gol in questo campionato”.

Condividi questo articolo