Ad imageAd image

Ecco cosa rischia la Juve in caso di condanna del presidente Agnelli

admin
admin
1 Min di lettura

Il 25 settembre si saprà se l’impianto accusatorio di Pecoraro avrà retto al vaglio del collegio giudicante presieduto da Mastrocola e se Andrea Agnelli verrà squalificato per il “caso biglietti” e i rapporti avuti con gli ultras. Qualunque sarà l’esito, ci sarà un appello – che lo presentino Agnelli e la Juve o la Procura – ma con ogni probabilità bisognerà aspettare il verdetto del Collegio di garanzia del Coni – la Cassazione dello sport – per scrivere la parola fine alla vicenda (almeno per la giustizia sportiva). Nel frattempo, se Andrea Agnelli fosse condannato in 1° grado a scontare un periodo di inibizione, la sentenza sarebbe immediatamente esecutiva, pur continuando a restare in carica sia come presidente della Juve che dell’ECA. Viceversa, i due turni a porte chiuse per lo Juventus Stadium non scattano subito in caso di condanna se la Juventus dovesse presentare ricorso alla Corte d’appello con una richiesta di sospensione dell’esecuzione della sanzione.

Condividi questo articolo