Ad imageAd image

L’arbitro ghanese Lamptey e la passione per gli “Over”: Sudafrica-Senegal si rigioca

admin
admin
2 Min di lettura
La Fifa ha deciso di far ripetere la partita Sudafrica-Senegal giocata il 12 novembre del 2016, finita 2-1 e valida per le qualificazioni a Russia 2018, perché considera che l’operato dell’arbitro ghanese George Lamptey, radiato a vita nel marzo scorso, ha condizionato l’esito della gara. Notizia clamorosa che crea un precedente legislativo importante. Sudafrica e Senegal sono nel combattutissimo Gruppo D: le 4 squadre sono raccolte in appena 2 punti. Al momento in classifica Burkina Faso e Capo Verde hanno 6 punti, Senegal 5 e Sudafrica 4. La prima va al Mondiale, le altre a casa. La partita giocata al Peter Mokaba di Polokwane era stata segnata da un rigore inesistente fischiato al senegalese del Napoli Koulibaly alla fine del primo tempo. La palla lo aveva colpito sul corpo, Lamptey tra la sorpresa generale aveva indicato il dischetto. Era nervoso, il ghanese. La sua storia, ricostruita con dovizia di particolari dopo la sua radiazione, racconta di una passione per la scommessa sull’Over, il fatto che in una gara ci siano più di 2,5 gol. Lamptey aveva evidentemente bisogno di tre gol, e con l’intervallo che si avvicinava decise di dare una mano agli eventi inventandosi un penalty. Le proteste del Senegal portarono a un’inchiesta chiusa dalla Caf, la Confederazione africana, con una mite sentenza: Lamptey fu sospeso tre mesi. In marzo però dopo 29 anni di governo del camerunese Issa Hayatou, grande sodale di Sepp Blatter, alla Caf è stato eletto il malgascio Ahmad Ahmad: due giorni dopo la Fifa ha radiato Lamptey. Evidentemente a Zurigo hanno trovato prove certe sul coinvolgimento dell’arbitro col mondo delle scommesse, che facevano il paio coi flussi anomali registrati sulle puntate sull’Over della gara in questione. La Fifa ha impiegato quasi 6 mesi a decidere per il replay, che sarà giocato nella finestra di novembre in Europa riservata agli spareggi.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Condividi questo articolo