Ad imageAd image

Barzagli e Belotti: “Con la Spagna era difficile. Non siamo riusciti a limitarli. Ora Israele”

admin
admin
3 Min di lettura

Nel dopo-partita di Spagna-Italia in mixed zone le parole di Andrea Barzagli e Andrea Belotti. Queste le dichiarazioni del difensore della Juventus raccolte da Tmw: “La partita era difficile, lo sapevamo. Chiaramente è venuta fuori tutta la loro qualità, i singoli giocatori che hanno. Dovevamo fare una partita perfetta per limitarli, appena abbiamo concesso 1-2 cose subito ci hanno puniti. Il risultato è pesante, ma se vogliamo analizzare la partita credo che abbiamo fatto delle discrete cose. Non abbiamo sofferto come dice il punteggio, ma quando perdi così è difficile trovare alibi. Non dobbiamo perdere fiducia nel nostro percorso e fare quello che dobbiamo per andare ai Mondiali. La differenza con loro c’è sempre stata, all’Europeo abbiamo giocato alla pari con tutti, oggi sinceramente abbiamo concesso quelle 3-4 cose in cui loro poi ti castigano. È venuta fuori la genialità che hanno loro, ma noi dovevamo fare leggermente meglio con o senza palla. Dovevamo fare una gara perfetta e non ci siamo riusciti, crediamo molto in quello che facciamo, ma alla fine è venuta fuori più la qualità loro, lo dico senza problemi. Dobbiamo pensare allo spareggio, non siamo però secondi matematicamente: la prossima partita contro Israele sarà fondamentale, dobbiamo prepararla per vincere”.

Queste, invece, le dichiarazioni del Gallo: “Questa sconfitta dice che la Spagna è superiore e lo ha dimostrato, anche se nel primo tempo abbiamo subito solo punizione e il tiro di Isco senza occasioni nitide create da loro. La differenza l’hanno fatta quei giocatori che in questo momento sono di un altro pianeta. Colpo di testa rimpianto? Il rimpianto è per tutta la partita, volevamo vincere, ci siamo schierati con il modulo offensivo per venir a fare qui il risultato, il colpo di testa non è un rimpianto ma è per come è andata la partita. Penalizzati dal modulo? Ma no, perché si gioca in 11 non solo con difensori e centrocampisti, noi quattro dovevamo fare un grande lavoro in fase di possesso e non possesso, nel calcio di oggi di difende in 11, lo hanno dimostrato anche loro con una squadra super offensiva e hanno difeso bene. A caldo Ventura non ci ha detto niente ma rivedremo la gara perché questa partita ci può dare delle conferme, perché potevamo fare delle cose migliori che non abbiamo fatto”.

Condividi questo articolo